logo san paolo
sabato 28 maggio 2022
 
rischio attentati
 

Isis, Spataro: «La risposta? Un vero team tra procure europee»

20/11/2015  Parla il Procuratore della Repubblica di Torino, esperto di antiterrorismo: «Gli accordi e le leggi ci sono, ora applichiamoli».

Armando Spataro, 66 anni, è il Procuratore della Repubblica di Torino. Ha guidato il pool antiterrorismo della Procura di Milano.
Armando Spataro, 66 anni, è il Procuratore della Repubblica di Torino. Ha guidato il pool antiterrorismo della Procura di Milano.

Succederà? E se sì, quando? Dove? Armando Spataro, 66 anni, dal 30 giugno 2014 dirige la Procura della Repubblica di Torino dopo esser stato a lungo Procuratore aggiunto a Milano, dove s'è occupato di terrorismo internazionale, in particolar modo di quello a matrice islamica. Un esperto, insomma. «Inutile negare la paura», spiega,  «importante è però ricondurla a ragione. Non apprezzo affatto, dunque, annunci che, a scopo autopromozionale, talvolta provengono da chi ha responsabilità istituzionali e finiscono per far crescere nei cittadini insicurezza e richieste di risposte forti, non compatibili con i valori delle nostre democrazie».

- Ai suoi cari e ai suoi amici sconsiglierebbe di prendere la metro a Roma? O di andare al cinema, a teatro, al ristorante? 

«Direi a chiunque di fare la propria vita normale e ciò non per incoscienza ma perché se ci lasciassimo condizionare perfino nel privato finiremmo con il darla vinta ai terroristi. Il che non significa non adottare prudenze minime. Mi piace viaggiare in terre lontane, ma è chiaro che in questo periodo eviterei certe regioni a rischio».

- L'ultima operazione antiterrorismo ha portato il 12 novembre a 17 arresti, dentro e fuori Italia. Ritiene ci siano ancora tante cellule sparse nel nostro territorio?

«Da tecnico e investigatore rispondo che chiunque provasse a contare terroristi e sospetti tali presenti in Italia, magari dividendoli pure per aree geografiche, sbaglierebbe clamorosamente».

A Roma, a Milano e nelle altre città italiane sono stati aumentati i controlli e le misure di sicurezza. Foto dell'agenzia Ansa.
A Roma, a Milano e nelle altre città italiane sono stati aumentati i controlli e le misure di sicurezza. Foto dell'agenzia Ansa.

- Lampedusa è una porta d'ingresso?

«Ho sempre sostenuto che non c’è prova, sin qui, della scelta dei terroristi di arrivare in Italia nei barconi carichi di disperati, mossi dalla sola speranza di trovare condizioni di vita dignitose. Anche nel considerare questi rischi dobbiamo essere razionali ed evitare di generare nei cittadini, da un lato,  insicurezza e dall’altro indegne pulsioni xenofobe. Lo dico anche se risultasse che uno o più immigrati irregolari sono terroristi: la responsabilità di pochi non può mai essere trasferita sulle spalle di tutti. Il nostro Paese deve piuttosto investire con fiducia nel dialogo con le comunità islamiche, a ogni livello».

- Dal suo lavoro d'indagine emergono contatti tra terrorismo di matrice islamica e criminalità nostrana?


«Assolutamente no, non potendosi considerare significativo, a tal fine, l’accertato coinvolgimento di  gruppi terroristici in Italia in attività come la compravendita di banconote false, le estorsioni e traffici di stupefacenti» .  

- Problemi di lingua, problemi di cultura: intelligence e forze dell'ordine riescono a suo avviso  a monitorare a fondo il variegato mondo islamico? 

«Penso proprio di sì, nei termini in cui la legge lo consente. I problemi sono altri: da un lato occorre sinergia di forze in campo affidando alle Agenzie di informazione, come il sistema italiano prevede, la sola importante attività di prevenzione, ma riservando le indagini sui reati a polizia giudiziaria e magistratura, così evitando nocive confusioni e sovrapposizioni. Ma, dall’altro, occorre rendere efficace ed immediata la collaborazione internazionale : l’assistenza giudiziaria e  il coordinamento, infatti,  non sempre funzionano. Occorre passare dalle declamazioni alle prassi virtuose. E per far questo non vi è bisogno di nuove leggi e  convenzioni ma solo di buona volontà».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo