Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
Scuola
 

Italia "a due marce", ma anche il Sud ha scuole virtuose

07/03/2019 

Io, mio marito e i ragazzi ci siamo trasferiti a Bergamo all’inizio di quest’anno scolastico. Abbiamo dovuto lasciare Potenza per motivi di lavoro e abbiamo iscritto in due scuole lombarde i nostri figli di 8 e 11 anni, rispettivamente in terza elementare e in prima media. L’impatto con la nuova città è stato complesso, non facile, ma anche scolasticamente qualche vantaggio c’è stato: strutture migliori, maggiori servizi. In Italia – penso non sia soltanto una mia impressione – la scuola nazionale e pubblica pedala con due velocità diverse, una per il Nord e una per il Sud. Non lo trovo giusto.

ANTONIETTA

Cara Antonietta, ciò che hai notato è tutt’altro che un’impressione. Lo si legge nero su bianco anche nel rapporto di Legambiente Ecosistema Scuola 2018, giunto quest’anno alla sua diciannovesima edizione. Dal monitoraggio condotto sulla qualità e la sicurezza degli edifici scolastici e sui servizi offerti alle famiglie, mense e scuolabus compresi, emerge infatti una classifica delle città capoluogo: Potenza, dove abitavi fino all’anno scorso, risulta posizionata al 77esimo posto, a un passo dal fondo, Bergamo è invece sul podio al terzo posto, medaglia di bronzo. Al vertice della classifica Bolzano e Trento, con il Trentino Alto Adige che domina sulle altre regioni e le sue due città che presentano gli edifici scolastici non soltanto a norma ma anche al top per innovazione e sostenibilità, con un 6% costruito secondo i criteri della bioedilizia su una media nazionale inferiore all’1% circa. Messina chiude la classifica: in particolare in Sicilia è a rischio sismico il 98,4% delle scuole, ma solo sul 2,4% risulta eseguita la verifica di vulnerabilità sismica. Anche gli scuolabus del Belpaese viaggiano a due velocità diverse: più del 40% delle scuole può contare su questo servizio nelle città capoluogo di provincia del Centro Italia, solo il 13,7% al Sud. Il servizio mensa varia al variare della latitudine: a livello nazionale tre edifici su quattro dispongono di mensa, con punte dell’88,9% al Centro, che diventa 84,9% al Nord, 63,4% al Sud e scende fino al 30,8% nelle Isole, meno di un istituto su tre. Una scuola pubblica, nazionale, come scrivi tu, con un volto ingiustamente diverso da regione a regione. Ma Legambiente, in calce al rapporto, coltiva la speranza riportando le immagini di alcune scuole virtuose anche del Sud: dal nuovo polo scolastico dell’infanzia “Virgilio” di Locri (Reggio Calabria), demolito e ricostruito all’insegna del risparmio energetico e della massimizzazione del comfort ambientale, alla Scuola dell’infanzia Don Tonino Bello di Uggiano La Chiesa (Lecce), riqualificata e munita di pannelli fotovoltaici. Una boccata d’ossigeno e di futuro possibile.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo