logo san paolo
sabato 13 agosto 2022
 
 

Italia, calano ancora i matrimoni

18/05/2011  L'Istat certifica un calo che prosegue ormai da anni. Negli ultimi due anni 30mila unioni matrimoniali in meno, soprattutto tra coniugi entrambi italiani.

Sono stati resi pubblici stamani gli ultimi dati Istat sui matrimoni in Italia. Secondo l'Istituto di statistica nel nostro Paese ci si sposa sempre di meno. Le unioni matrimoniali, si legge nella relazione, «sono state 230.613 nel 2009 e poco più di 217 mila nel 2010 (dati provvisori). Si tratta di 3,6 matrimoni ogni 1.000 abitanti. In soli due anni si registrano quasi 30 mila matrimoni in meno: nel 2008 erano stati 246.613, pari a 4,1 ogni mille abitanti».

In realtà, come si sottolinea da via Balbo, la tendenza alla riduzione delle nozze è ormai in atto dal lontano 1972. Nel biennio 2009-2010 il calo però è stato particolarmente accentuato: la variazione media annua ha raggiunto infatti il -6%, «un valore decisamente al di sopra del -1,2% registrato, in media, negli ultimi 20 anni». La diminuzione nel biennio 2009-10 ha interessato tutte le aree del Paese, con punte nel Lazio (con un -9,4%) e, a seguire, Lombardia (-8%), Toscana (-6,7%), Piemonte e Campania (-6,4%).

Il calo più consistente, quello poi che in sostanza spiega due terzi del calo generale, si registra nella categoria "prime nozze tra sposi italiani" (175.043 nel 2009, 10.706 in meno rispetto al 2008), mentre i matrimoni con almeno un coniuge straniero spiega il resto del calo (quasi 5 mila in meno rispetto al 2008). In quest'ultima categoria rientrano i cosiddetti "matrimoni misti" (in cui un coniuge è italiano e l'altro straniero): le oltre 21mila celebrazioni nel 2009 hanno fatto registrare la riduzione più marcata (3.191 in meno rispetto al 2008).

Infine, un ultimo dato ma significativo: «Nel 2009 l'incidenza dei matrimoni in regime di separazione dei beni è pari al 64,2% e supera la quota di quelli in regime di comunione dei beni in tutte le ripartizioni».

Tag:
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo