logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
 

Nespoli e Vittori, abbraccio in orbita

18/05/2011  Roberto Vittori, a bordo dello Shuttle Endeavour, ha finalmente incontrato l'altro astronauta italiano, Paolo Nespoli, sulla Stazione Spaziale. Una grande gioia a 400 km dalla Terra.

Al centro: l'astronauta Mark Kelly, comandante di Endeavour, accolto sulla Stazione spaziale internazionale.
Al centro: l'astronauta Mark Kelly, comandante di Endeavour, accolto sulla Stazione spaziale internazionale.

Per un problema tecnico è saltata la trasmissione Tv in diretta dell'incontro storico tra due astronauti italiani sulla Stazione spaziale internazionale. Dunque, al momento in cui scriviamo non ci sono ancora immagini ufficiali della stretta di mano, a 400 chilometri dalla Terra, che poche ore fa ha segnato l'incontro nello spazio tra Roberto Vittori e Paolo Nespoli.

Partito lunedì da Cape Kennedy a bordo della navetta Endeavour, Vittori ha raggiunto il connazionale Nespoli, in orbita da dicembre, a bordo della International Space Station. Lo Shuttle, con sei astronauti a bordo, ha raggiunto oggi il grande laboratorio scientifico, attraccando al “nodo numero 2” della struttura. Due ore più tardi, aperto il portello, l'equipaggio di Endeavour ha abbracciato i colleghi (tre russi, due americani e l'italiano) che abitano la Space Station. Nespoli è al termine di una missione particolarmente lunga - quasi sei mesi in assenza di peso, respirando un'atmosfera artificiale - e dura. Sul piano operativo, con un'agenda quotidiana fitta di cose da fare, e ancor più sul piano umano.

Paolo Nespoli
Paolo Nespoli

Pochi giorni fa, infatti, è morta improvvisamente la madre e l'astronauta non ha potuto darle l'estremo saluto. Insieme con le provviste (fra i rifornimenti c'è sempre qualche cibo fresco, molto gradito), la navetta Endeavour ha portato alla Stazione Spaziale nuovi equipaggiamenti, fra i quali antenne per le comunicazioni, e strumenti.

Roberto Vittori
Roberto Vittori

Il più importante è l'Alpha Magnetic Spectrometer, che servirà agli scienziati per cercare di sciogliere due grandi misteri dell'universo. Quello dell'antimateria, misteriosamente “evaporata” dopo il big bang, e quello della “materia oscura”, che - sinora invisibile - dovrebbe costituire oltre il 90 per cento del cosmo.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo