Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Italiani popolo di altruisti

23/06/2013  Nonostante la crisi non smettiamo di essere caritatevoli

Generosità, altruismo, aiuto, solidarietà, sostegno ai deboli, ai poveri e agli emarginati. Sono questi e tanti altri i sinonimi che gli italiani hanno dato di carità nell’indagine demoscopica dedicata al tema, “Gli italiani e la carità” appunto, curata da AstraRicerche, presieduta dal sociologo Enrico Finzi per conto della Casa della carità di Milano (www.casadellacarita.org/italiani-carita). Una ricerca, realizzata nel 2005, e oggi (aprile, maggio 2013) aggiornata e integrata con 1.003 interviste on line a un campione rappresentativo di 41,8 milioni di italiani tra i 15 e i 69 anni.

Quale Italia ne esce? E quanto ha inciso la crisi economica degli ultimi anni? La ricerca 2013 accredita l’immagine di un paese che, nonostante crisi e politiche che hanno messo in discussione se non azzerato molte certezze del recente passato, si dimostra nella sua maggioranza generoso, altruista e solidale. E’ ancora un’Italia con il “cuore in mano” nella quale 22 milioni di persone (53,6% del totale) danno concretamente una mano a poveri ed emarginati, un paese nel quale 9,7 milioni sono impegnati con continuità in opere di volontariato e 8,5 milioni danno regolarmente soldi a una o più organizzazioni che si occupano di carità. Si conferma un’Italia che vede il 46% dei suoi cittadini indignarsi per le troppe ingiustizie di questa società.

Cosa ha cambiato la crisi? Che l’Italia del 2013 fatica a mantenere questo cuore in una situazione in cui, come emerge dalla ricerca, 9,4 milioni gli italiani (23%) ammettono di «non riuscire più ad aiutare gli altri, avendo gravi difficoltà economiche o non avendo più risorse».

Mettendo a confronto i dati dell’attuale ricerca con quelli dell’indagine 2005, lo scenario diventa ancora più chiaro: le persone impegnate in opere di carità passano dal 35% all’11%; i donatori crollano dal 33%  al 20% attuale; si dimezza, dal 41% al 20%, la percentuale di quanti fanno spesso la carità a chi la chiede per strada; resiste (dal 24% al 23%) il numero di chi è impegnato in attività di volontariato.


Dalla crisi all’indifferenza.
Dalle risposte emerge una minoranza crescente del paese che si è fatta più indifferente che nel passato alle tematiche legate alla carità, alla solidarietà e all’accoglienza. Se è vero, infatti, che l’Italia resta “sensibile alla carità”, nel paese aumenta il numero di chi gira la testa dall’altra parte e contemporaneamente si assiste a un ritiro collettivo dall’impegno personale delegando alle istituzioni e allo stato, non al singolo, la responsabilità degli emarginati.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo