logo san paolo
martedì 16 agosto 2022
 
 

La nuova Libia ringrazia l'Italia

20/04/2011  Mustafa Abdul Jalil ha incontrato le massime autorità del nostro Paese: il futuro della Libia e la collaborazione tra i due Paesi al centro dei colloqui. La tappa a Sant'Egidio.

E’ partita dall’Italia la missione diplomatica e politica del presidente del Consiglio nazionale transitorio di Bengasi, Mustafa Abdul Jalil. In una giornata nella Capitale, il leader dei ribelli libici ha incontrato i massimi vertici istituzionali: Napolitano, Frattini, Berlusconi, Schifani. Non è mancata una visita alla Comunità di Sant’Egidio, considerata l’Onu di Trastevere, dove l’antagonista di Gheddafi ha cercato una sponda nel segno della mediazione e della diplomazia.  

     “Quello che speriamo dai nostri amici italiani è una maggiore pressione, anche militare, su Gheddafi per spingerlo ad abbandonare il Paese e andarsene”, ha detto Jalil in un incontro con i giornalisti nella sede della Comunità di Sant’Egidio. D’altra parte, ha avvertito, “Gheddafi ha messo tutta la ricchezza del popolo libico al proprio servizio e al servizio delle sue avventure militari immorali. Dunque, se non sarà costretto con l’uso della forza ad abbandonare il potere, non lo farà mai. Una persona che ha trattato il proprio popolo in questo modo, non può rimanere nel nostro Paese”.

     Sul futuro del Paese, il presidente del Consiglio transitorio non ha dubbi: “Non vogliamo l’uccisione di Gheddafi, ma speriamo che lasci la Libia il prima possibile”.   Il senso della visita in Italia è chiaro: “Siamo venuti per ringraziare il popolo e il Governo italiano per la posizione progredita assunta nell’appoggio e nel sostegno alla rivoluzione", ha spiegato il leader dei ribelli, "e per aver spinto la comunità internazionale a dare appoggio alla rivoluzione. Siamo venuti anche per assicurare l’Italia che siamo nel giusto e vogliamo edificare democrazia, pace e libertà in Libia”.

     A Sant'Egidio per il dialogo

     Non ci sono solamente gli incontri strettamente politici nella giornata a Roma del presidente del Consiglio nazionale transitorio di Bengasi, Mustafa Abdul Jalil. C’è anche la strada della diplomazia e della mediazione ricercata nella visita alla Comunità di Sant’Egidio, che non è nuova a missioni così delicate nei Paesi piegati da guerre civili.

      “Siamo venuti a Sant’Egidio per lanciare al mondo il messaggio che operiamo per la pace e che l’Islam non è la religione del terrorismo", ha spiegato Jalil, "siamo venuti consapevoli dell’importanza che ha la Comunità di Sant’Egidio verso l’opinione pubblica italiana, e per dire che l’Islam invita alla pace, alla sicurezza di tutti e al riconoscimento delle altre religioni”.  

     Accompagnato da una delegazione di sette persone, mega-scorta che ha paralizzato la piazza di Trastevere, Jalil ha pranzato con i vertici di Sant’Egidio. Assente il fondatore Andrea Riccardi, che si trova all’estero. “Il ruolo di Sant’Egidio è come sempre un ruolo di facilitazione della pace e di dialogo tra uomini di religioni differenti", ha spiegato il presidente Marco Impagliazzo: "E’ venuto un musulmano libico a parlare in una comunità cristiana. Questo è il segno che il dialogo è l’unica via per trovare la pace”.  

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo