logo san paolo
martedì 05 luglio 2022
 
 

Juve, dove vai? Samp, quando torni?

16/05/2011  La Juventus fuori dalle Coppe, la Sampdoria in serie B. I due verdetti più choccanti del campionato nascondono realtà tecniche ed economiche diverse.

La penultima giornata di campionato ha ufficializzato la calata della Sampdoria in serie B ed ha sancito una Juventus fuori nella prossina stagione dall’Europa delle coppe, ormai anche della quasi soltanto consolatoria Europa League, un torneo per emergenti minori più che per deluse maggiori. La Sampdoria è retrocessa matematicamente, insieme con Bari e Brescia, la nobile Juventus ha il diritto plebeo di coltivare l’ultimissimissima speranza: cioè che all’ultima giornata la Roma perda, in casa, proprio contro la Sampdoria retrocessa e che lei, la Vecchia Signora, vinca in casa, dove ha patito beffe innumeri, sull’euforico Napoli certo della Champions League senza passare per i preliminari.

     Calcoli tanto legittimi quanto utopistici.  Dei due fallimenti stagionali  quello della Juventus è il più rumoroso, e colpisce milioni di risparmiatori: i tifosi bianconeri, cioè, che hanno convogliato i loro risparmi di entusiasmo, i loro capitali di affetto, sulla squadra, sulla società. Sono passati cinque anni da Calciopoli e il club bianconero, risalito subito in serie A dopo la condanna, ha sempre penato, in questa stagione però in maniera particolarmente “povera”, goffa, nonostante il ritorno di un Agnelli alla presidenza ad autorizzare una campagna acquisti forte, con Krasic e Pepe e Quagliarella e Martinez ma anche innesti a gennaio (Toni e Matri, attaccanti, bravi ma non decisivi, e troppo diversi fra di loro). 

   

     Uno choc per tutto il calcio

     La crisi della Juventus chocca tutto il nostro calcio, e non solo, intanto che fa piacere ai nemici del bianconero torinese: appunto felici e choccati. Essa coincide con la nascita prossima del nuovo stadio di proprietà del club, novità per il nostro grande calcio, e con tutto un programma di richiamo allo stadio, anzi al complesso di servizi, di folle, di famiglie, di  tifoserie nuove e e speciali. Ma ci vogliono partite entusiasmanti di una grande squadra, e il campionato bianconero si annuncia duro, costoso,difficilissimo.

     Da cambiare il tecnico, Del Neri, arrivato dalla Sampdoria in offerta speciale presentata da Marotta nuovo direttore generale, autore di quelle che si pensavano le definitive buone sorti blucerchiate. Del Neri liquidato, Marotta che portò Del Neri non solo confermato, ma liberato dal peso di Blanc, il francese che era diventato addirittura amministratore delegato. 

     La Juventus ha avuto dalla Exor, la finanziaria degli Agnelli padrona del 60 per 100 delle azioni, una garanzia di ricapitalizzazione di 100 o anche 120 milioni di euro. Per rinforzarsi. Ma una cinquantina di milioni dovranno essere spesi soltanto per tener fede a impegni contratti quando si preferisce effettuare acquisti travestiti da prestiti. Poi c’è da intervenire in un mercato europeo “alto”, ricchissimo, che sia finanziariamente arabo o russo o ottentotto, con giocatori che chiedono, per le appena due loro gambe, investimenti sui 50 milioni. Spese enormi dunque per rinforzare la squadra, ma decisa poi da quale tecnico? Mazzarri dal Napoli, Conte dal Siena, Vilas Boas nuovo astro portoghese dal Porto? Questione di ore per la scelta: in ogni caso, altre spese, e per il suo contratto e per assecondare i suoi programmi.

     E Giovinco resta a Parma

     Con il problema, ripetiamo, di un nuovo stadio che è sì pieno di seduzioni commerciali, ma che avrà bisogno di offerte di calcio forte e sicuro per attirare le genti. Il tutto con un cerbero come l’ex juventino Platini a sorvegliare i bilanci, nella sua veste di presidente dell’Uefa, la federazione europea.  Marotta non si tocca, ma viene difficile pensare cosa di bello Marotta riuscirà a far toccare ai tifosi. E intanto uno studio dice che legioni interiste sono crescite e sono prossime al sorpasso nei riguardi di quelle bianconere. E Giovinco fanciullino prodigio del vivaio juventino sembra ormai del Parma, dopo avere segnato alla sua ex Juve tre gol in due scontri diretti vittoriosi, intanto che sono scesi di valore i vari Sissoko, Martinez, Melo…, da mettere sul mercato per fare cassa. E infine ci sono due presenze che comunque impegnano assai: diciamo di Del Piero e Buffon, contratti rinnovati, personaggi difficili, da rispettare sempre, bandiere da far garrire ma non si sa bene a quale vento. 

     E la Sampdroia? Abbandonata in estate da Marotta e da Del Neri, ha lasciato partire Cassano e Pazzini al mercato di riparazione. Anzi, ha fatto andar via, al Milan, Cassano, che ha insultato per futili motivi patron Garrone, il padrone mecenate, e ha ceduto all’Inter Pazzini per far cassa. Garrone, che è ricchissimo ed era deciso a spendere, per un paio di volte ha fatto il genovese attento ai soldi. Ha usato nella stagione due allenatori, con esiti disastrosi. Ha patito l’affronto di una discesa in B decisa praticamente dal debry, con gol della vittoria dei genoani all’ultimo minuto. Ha visto la sua squadra giocare invano meglio di Brescia e Bari, le altre due retrocesse, e magari ha avvertito che molto semplicemente è mancato un grosso portiere, roba da fare sempre rimpiangere Storari che nella Juventus è riuscito a non fare rimpiangere, e per tanto tempo, Buffon.

     La famiglia Garrone, che pure prese il club soltanto per traghettarlo verso arabi del petrolio e che finì per innamorarsi del gioco del pallone, ha garantito la sua presenza (i suoi soldi) accanto alla squadra pr l’operazione-rinascita. La Samp dovrebbe tornare presto in A, ma le aggravanti della retrocessione resteranno a fare statistica pesante: scende in serie B il club che ha cominciato la stagione 2010-11 disputando i preliminari di ChampionsLeague, il club campione d’Italia nel 1990-91 e finalista della Coppa dei Campioni nel 1991-92. Ricordi contorti, che intrigano e turbano, intanto che esimono dalla ricerca di troppe spiegazioni logiche.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo