Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
dossier
 

Kinshasa dà il benvenuto a papa Francesco

31/01/2023  Il Pontefice è arrivato all'aeroporto della capitale congolese. Nei giorni della sua presenza in Repubblica democratica del Congo la vita della città è ridotta all'essenziale ed è stato attivato un vasto sistema di sicurezza

Papa Francesco è arrivato all'aeroporto internazionale di Ndjili, ad una ventina di chilometri dal centro di Kinshasa. Dopo l'atterraggio, il corteo utilizzando la Route Nationale 1 attraversa i quartieri periferici e con una densissima presenza di abitanti per giungere al cuore della città. La papamobile ha lasciato la Nunziatura e raggiunto l’aeroporto per poi fare il percorso inverso. Nei giorni della presenza del Papa la vita di Kinshasa è bloccata, ridotta all’essenziale. Il consiglio delle autorità è di non usare autovetture private; le scuole, soprattutto quelle del Comune della Gombe, sono chiuse. Il clima è di festa. Lungo le principali arterie sono attivi un sistema di sicurezza e presidi medici di emergenza per vigilare e assistere la popolazione che accoglierà numerosa il Papa.

Nella sede della delegazione diplomatica vaticana, accanto ai palazzi del governo congolese, tutto è pronto per il soggiorno di papa Francesco. La camera che occuperà sarà la stessa usata nel 1980 e nel 1985 da San Giovanni Paolo II, al primo piano. Per facilitare l’accesso è stato allestito un apposito ascensore. La comunità delle Suore di San Giuseppe di Genoni che risiede in un edificio attiguo, collabora con il nunzio monsignor Ettore Balestrero e al personale della Nunziatura all’organizzazione. La sicurezza che già normalmente è accurata, presidia tutte le vie di accesso. Gli abitanti di Kinshasa dicono divertiti che la Gombe è in questi giorni come il Vaticano.

Multimedia
Le foto del primo giorno del Papa in Sud Sudan
Correlati
Sud Sudan, Hellen Hadia: "Faccio l'ostetrica per aiutare le donne della mia comunità"
Correlati
Le foto del primo giorno del Papa in Sud Sudan
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo