logo san paolo
lunedì 15 agosto 2022
 
 

Alcol, bevono soprattutto le donne

23/02/2012  Presentata la relazione del ministero della Salute: diminuiscono le morti, ma preoccupano i giovani. Cresce il fenomeno del binge drinking tra le ragazze.

La buona notizia è che sono diminuite le morti dovute all’alcol. La cattiva è che si diffonde tra i ragazzi la moda di bere fuori dai pasti.

La Relazione al Parlamento sugli interventi realizzati da Ministero e Regioni in attuazione della legge-quadro 125/2001 in materia di alcol e problemi correlati al consumo di alcol, presentata dal ministro della sanità, Renato Balduzzi  conferma un’inversione di tendenza rispetto al tradizionale consumo “mediterraneo” di alcol, cioè un consumo moderato, soprattutto di vino, durante i pasti.

Attualmente, invece, cresce il fenomeno del binge drinking,  cioè la pratica di consumare diverse bevande alcoliche, in alta quantità e in un breve arco di tempo. Quasi sempre fuori dai pasti.

Nel 2010 il binge drinking aveva coinvolto il 13,4 per cento degli uomini e il 3,5 delle donne. Ma se si analizza la fascia d’età, questo tipo di consumo sale al 9.7 per cento delle ragazze tra i 18 e i 24 anni.

Per quanto riguarda i consumi fuori pasto, nell’ultimo decennio sono saliti dal 33,7 per cento al 41,9 per i consumatori tra i 18 e 24 anni e dal 14,5 per cento al 16,9 per i ragazzi tra i 14 e i 17 anni. Ma il dato più allarmante riguarda le ragazze. Negli ultimi 15 anni è più che raddoppiata la quota delle consumatrici fuori pasto.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo