Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
 

L'azzardo che ti rovina la vita

26/01/2013  Il Gap, gioco d'azzardo patologico, è sempre più diffuso. I giocatori si rovinano la vita, mentre la criminalità mette le mani sulle slot machine.

La vita non è un colpo di fortuna, anche se più di 800.000 persone, nell’ultimo anno, si sono fatte coinvolgere dal miraggio della dea bendata. Una cifra che gli esperti dicono arrotondata per difetto, visto che il gioco d’azzardo ormai è un business che muove più o meno 180 miliardi l’anno.

A pochi giorni dalla maxi operazione gestita dalla guardia di Finanza in molte regioni d'Italia, che ha portato all'individuazione e al sequestro di numerose slot machine truccate finite in mano alla 'ndrangheta, a Bologna si è svolto  il convegno dal titolo, appunto,  La vita non è un colpo di fortuna, organizzato dall'istituto Petroniano Studi Sociali dell'Emilia Romagna e dall’istituto Veritatis Splendor della Fondazione Lercaro. Una giornata di studi a cui hanno preso parte il ministro della Sanità Renato Balduzzi, Giovanni Serpelloni, capo dipartimento per le Politiche Antidroga, specialisti come lo psichiatra Vittorino Andreoli e monsignor Alberto D'Urso, segretario della Consulta nazionale antiusura Giovanni Paolo II di Bari.

«Abbiamo tutelato chi soffre già della patologia», ha ribadito il ministro Balduzzi. Il cosiddetto Gap (gioco d'azzardo patologico) infatti, grazie al decreto 158/2012, meglio noto come legge Balduzzi, è stato fatto rientrare nei "Livelli essenziali di assistenza" e riconosciuto a tutti gli effetti come malattia. Secondo i dati però sarebbero a rischio almeno un altro milione di persone, soprattutto giovani e giovanissimi. Per questo il decreto ha previsto maggiori controlli e una stretta sugli spot. Misure che ancora dicono poco rispetto alla sofferenza e alla tragedia di famiglie che il vizio del gioco ha ridotto sul lastrico. «Gli spot sono pubblicità ingannevole a tutti gli effetti», ha protestato Vittorino Andreoli, «per onestà e decenza andrebbero chiamati non gratta e vinci, ma gratta e perdi, perché la gente li compra come oggetti innocui e ci perde anche 20 euro in un solo colpo, che per un pensionato sono una somma ragguardevole».

Gli esperti confermano che la ludopatia non può essere considerata come un fenomeno a sé stante. La dipendenza da gioco va studiata e combattuta in relazione a tutte le altre dipendenze patologiche da fumo, da alcol, da internet, dalla televisione, dal sesso «perchè si sa che i soggetti a rischio, che oggi coincidono con la quasi totalità della popolazione, come escono da una dipendenza entrano in un'altra», ha concluso lo psichiatra.

Oggi anche la Chiesa è più che mai attiva nell'identificare le cause e a curarne gli effetti. «Siamo stati i primi in Italia a lanciare l’allarme, ma il nostro grido è rimasto inascoltato», ha detto monsignor D'Urso. Prossimamente proprio a Bologna si aprirà un centro di studi sul fenomeno del gioco d'azzardo.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo