Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
 

L'Egitto sbarca a Orvieto

29/03/2011  La splendida cittadina umbra fino ad ottobre ospita un'originale mostra sulla civiltà dei faraoni, in cui si sottolinea il ruolo delle scoperte degli italiani, prima e dopo l'Unità.

   Se prendete Orvieto, la splendida cittadina umbra, e la fata incontrare con il fascino dell'antico Egitto, il risultato sarà un weekend irresistibile. Il "matrimonio" s'è fatto, perché fino al due ottobre l'incantevole città che sorge su una rupe di tufo ospiterà la mostra Il fascino dell'Egitto (www.studioesseci.net).

   Basta un'immagine per cogliere l'incanto della cittadina in provincia di Terni, al confine con la provincia di Viterbo e il Lazio, un tempo città etrusca. Tra le tante cose notevoli, la vostra visita deve toccare almeno il duomo, capolavoro dell'architettura gotica, il Palazzo papale sede del Museo archeologico nazionale, gli affreschi sul Giudizio universale di Luca Signorelli nella Cappella di San Brizio, le Grotte di Adriano, ovvero la Orvieto sotterranea, la Necropoli del Crocifisso del tufo... In questo conteso da sogno è stata calata la mostra sull'antico Egitto. Non l'ennesima mostra del genere, bensì una raccolta di 250 opere, frutto delle scoperte e dei ritrovamenti degli egittologi italiani, che, prima e dopo l'Unità, si recarono nei luoghi dei faraoni attratti ora dallo spirito d'avventura, ora dalla sete di guadagno, ora dall'eterno fascino di questa civiltà.

INFORMAZIONI PRATICHE

In centro città  il 4 stelle migliore è Palazzo Piccolomini, dimora papale del ‘500, molto affascinate. Qui la camera, per due persone costa circa 150 euro a notte.

Sempre in centro storico, c’è  l’Hotel Duomo vicinissimo alla Cattedrale.  E’ un tre stelle molto accogliente, dove la  camera doppia costa poco più di 100 euro a notte.

Accoglienza familiare e ottime  tariffe nel tre stelle Hotel oasi dei discepoli. La camera doppia costa circa 70 euro a notte.

Piacevole in primavera soggiornare nella campagna umbra. Elegante agriturismo è il Borgo San Faustino, un antico casale immerso nel verde, con maneggio. Qui la camera doppia costa 80-100 euro a notte.

   


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo