logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
 

L'Emilia trema ancora

29/05/2012  Sembra un film, ma non lo è. Mentre la terra trema ancora e i danni alle persone e alle cose aumentano, gli emiliani continuano ad arrangiarsi, ma non potranno farlo da soli a lungo.

Gente in strada a Modena dopo le ultime scosse. (Ansa)
Gente in strada a Modena dopo le ultime scosse. (Ansa)

L’avevamo scritto e purtroppo non ci eravamo sbagliati. La cosa più impressionante, ancora fino a ieri, girando per i paesi emiliani colpiti dal terremoto, era il clima di normalità, la scarsa mobilitazione, l’attesa dei prossimi crolli. «Sembra quasi che stiano girando un film», ci aveva confidato un volontario,senza nascondere la sua preoccupazione.

Non era un film e quando la terra ha tremato di nuovo, questa mattina alle nove, altri capannoni nella campagna padana e altre abitazioni hanno ceduto facendo altre vittime. Almeno sei morti, al momento, due a San Felice sul Panaro, due  a Mirandola, una a Concordia e una a Finale, ma ci sarebbero altre persone intrappolate sotto le lamiere di due stabilimenti, uno a Mirandola e l’altro  a Medolla, nel modenese. Potrebbero essere di più. Si parla di feriti anche nel mantovano.

Si potevano evitare? Quello che è certo è che stiamo assistendo a una tragedia che metterà in ginocchio l’intera economia emiliana. Si parla di una scuola crollata a Ostiglia, di altri monumenti crollati, compreso il Duomo di Mirandola.  La scossa è stata di magnitudine 5,8 e ha insistito sulle zone che erano già state colpite dalle scosse precedenti, con epicentro tra San Felice e Cavezzo. Il terremoto, come hanno già detto i sismologi, non è finito e per sua definizione è imprevedibile. Gli emiliani sono stati anche troppo bravi ad arrangiarsi, oggi ognuno dovrà assumersi le sue responsabilità. 

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo