logo san paolo
domenica 03 luglio 2022
 
Programmare troppo
 

L'estate dopo la quinta elementare, pochi compiti e tanto divertimento

30/08/2019 

È estate, ho una figlia che ha terminato la quinta elementare e per la prima volta non ha da fare i compiti delle vacanze. Vorrei farla divertire e appassionare a tante cose approfittando del molto tempo a disposizione. Così l’ho iscritta a un corso di musica per imparare a suonare uno strumento, esperienza mai fatta prima, per la quale la vedo molto portata. Vorrei anche farle frequentare un campus animato da educatori madre-lingua così da rinforzarla in inglese, cosa che le sarà utile in futuro. Pensavo di renderla felice ed entusiasta con le mie proposte. Invece l’ho vista fredda. «Mamma, ma io vorrei divertirmi e giocare, in questa estate dove non ho compiti e lezioni». La sua reazione mi ha “smontato”. Non vorrei crescere una bambina pigra che rinuncia alle opportunità offerte.

LUCIANA

Gentile Luciana, io penso che tua figlia ha reagito nel modo in cui tutti i figli avrebbero reagito. È difficile trovare un bambino che, di fronte alla possibilità di rilassarsi e tirare il fiato, preferisca invece buttarsi a capofitto in attività impegnative, che richiedono sforzo, studio e attenzione. Anche da come racconti le cose, sembra davvero che tu ci tieni molto al fatto che la tua bambina approfondisca il suo sapere e saper fare. Lei, al contrario, ti ha risposto che avrebbe voglia di divertirsi. In queste vacanze, invece che puntare su competenze cognitive, perché non la stimoli a giocare e divertirsi? Perché non la spingi a fare cose divertenti e interessanti insieme ai suoi amici più cari? Perché, tu per prima, non provi a diventare una sua compagna di giochi più che una compagna di studio? Probabilmente questa è l’ultima estate in cui avrai in casa una bambina che ha voglia di giocare e spendere tempo insieme a te. Poi, arriverà la preadolescenza – che io ho definito in un libro molto amato dai genitori L’età dello tsunami (De Agostini) – e ti accorgerai che in tale fase dell’età evolutiva tua figlia non avrà più tanta voglia di essere tua alleata e di fare cose con te. Insomma, il mio consiglio è di trascorrere questo tempo all’insegna della svagatezza e della condivisione allegra. Ti possono aiutare i libri: Il giocalibro della famiglia (De Agostini) curato dal canale Youtube GBR, Gioca con noi di Silvia & Kids (Mondadori) e Il manuale delle 50 (piccole) rivoluzioni per cambiare il mondo (Il castoro). Sono tutti libri che offrono molti spunti per riempire questi mesi di vacanza con attività che non appartengono a nessuna routine, proprio come questa estate senza compiti, evenienza che non tornerà più.

COMPRA I LIBRI CONSIGLIATI DA ALBERTO PELLAI SU SANPAOLOSTORE.it

  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo