Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
Come cambiano i "social"
 

L'Europa "alza" l'età minima su Facebook. Servirà?

16/12/2015  Il Parlamento europeo trova l'intesa per alzare a 16 anni l'età minima sui social, ma ci vorrà un po' prima che entri in vigore.E certo non basterà a scoraggiare i ragazzi dalla tentazione di "gonfiarsi gli anni.

Se ne sentiva parlare da giorni, in Parlamento Europeo si stava discutendo dell’opportunità di spostare da 13 a 16 anni dell’età con cui si può accedere a Facebook, twitter, social network in genere, ma anche a gmail. L’intesa ora è arrivata, ma ci sono i tempi tecnici perché sia formalizzata e il calcolo dei tempi tecnici, dicono gli esperti delle questioni europee, porteranno all’entrata in vigore effettiva all’inizio del 2018.

Come succede spesso, per evitare tensioni legate a problemi di armonizzazione del diritto tra Paesi diversi, l’Europa concederà ai singoli stati la possibilità di mantenere l’attuale limite fissato a 13 anni. In gioco ci sono esigenze di tutela dei minori, ma anche interessi economici dei  giganti del web e ancora un problema di natura per così dire “contrattuale”, cioè la necessità di capire su chi ricada la responsabilità quando un impegno sul web è sottoscritto da un minore.

In Italia al momento l’ingresso senza il consenso dei genitori è fissato a 13 anni, ma come ben si sa la discussione è molto teorica, più formale che pratica, perché nella pratica le statistiche dicono che il limite è facilissimamente aggirabile, che sono tantissimi i bambini che fin dai nove anni, entrano con anno di nascita falso.

E non è improbile che, anche modulando diversamente il filtro, anche complicandolo un tantino, il problema si riporrà tale e quale, rimanendo com’è già ora una questione che non può essere liquidata con un limite formale, ma che va affrontata a più piani, a comnciare dalla difficile sfida dell’educazione alla consapevolezza e all’uso responsabile, temi sui quali gli adulti purtroppo – anche in buona fede – non sanno dare il buon esempio.  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo