Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
 

Rifiorire nell'ex capanna dello zio Tom

07/04/2013  All'interno del Parco Lambro verrà realizzato un centro giovanile don Mazzi: l'ennesima testimonianza dell'impegno instancabile sul territorio di Fondazione Exodus

Il tempo fa la differenza: arrivare prima, per gli operatori di Fondazione Exodus che agiscono al fianco di don Mazzi, significa salvare le vite di adolescenti e teenager che incontrano la droga. Vittime, sempre più giovani, di dipendenze e abusi di sostanze di varia natura e origine che nascondono problemi complessi, legati alla sfera emotiva, emozionale, familiare.


Un intervento precoce è la strada più "sicura" per ottenere dei risultati concreti: infondere coraggio e restituire equilibrio a ragazzi abituati, fin da bambini, a vivere in bilico. E in disparte. In bilico tra ciò che è giusto e ciò che non lo è, tra ciò che è stato e ciò che avrebbe potuto essere. In disparte rispetto a una "normalità" fatta, nella sua semplicità, di entusiasmo e leggerezza, stati d'animo che l'adolescenza, pur con i suoi ostacoli, dovrebbe portare in dote a chiunque. 

Per questo i centri giovanili don Mazzi funzionano: la prevenzione passa dall'aggregazione, l'aggregazione dall'amore. Una processo di crescita per gradi, con dolcezza e fermezza, che restituisce ai beneficiari, ragazzi e famiglie, la sensazione inebriante di essere protagonisti, ancora, di nuovo, delle proprie vite.

«Per qualsiasi società civile aiutare i giovani a crescere è un impegno irrinunciabile - spiega don Mazzi. Dopo tanti anni trascorsi in prima linea con i giovani posso dire, con convinzione, che c’è bisogno di luoghi nuovi, dove i ragazzi da “puledri” abbiano la possibilità di diventare “cavalli di razza"».


Dall'1 al 28 aprile è possibile donare 2 o 5 euro con un sms o una chiamata da rete fissa al 45509: nello specifico, il nuovo progetto di don Mazzi è il recupero architettonico di un immobile ormai da tempo abbandonato all'interno del Parco Lambro, la ex Capanna dello zio Tom, in cui verranno realizzati ambienti a misura di giovani. Uno spazio per il ristoro e una libreria con postazioni wi-fi, ma anche un'area dedicata alla musica con annessa sala prove insonorizzata e una predisposta per la registrazione. All'esterno, ovviamente, campi e campetti per lo sport

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo