Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

«L'importanza del tempo non è trascurabile»

09/04/2014 

C’è uno “scollamento” tra i tempi interiori e i tempi stabiliti dalla legge, c’è tanta enfasi sulla dimensione affettiva e sulla libertà della coppia, “che però sono i pilastri fragili del matrimonio, mentre ciò che lo salva è la dimensione etica, la capacità di costruire il proprio futuro nel rispetto reciproco, dove il “per sempre” ha davvero senso compiuto”: Costanza Marzotto, psicologa e mediatrice familiare, docente dell'Università Cattolica e coordinatrice del Master in Mediazione Familiare e Comunitaria, invita a leggere la proposta bipartisan sul divorzio breve alla luce della complessità delle relazioni coniugali.

-Professoressa, esiste la possibilità che il divorzio breve “banalizzi” il valore e la scelta del matrimonio?

«La banalizzazione del legame matrimoniale è un fenomeno che prescinde da questa proposta di legge, purtroppo è già in atto nella società italiana, al punto che secondo me le coppie oggi andrebbero aiutate sempre più spesso a “monte”, quando scelgono di sposarsi. Chi decide sulla base di una dimensione solo affettivo-consumistica, diciamo sull’onda dell’innamoramento, inevitabilmente chiede una chiusura rapida del legame e non si concede tempo per l’elaborazione della rottura».

- E allora cosa succede?

«Studi americani individuano una casistica di secondi e terzi matrimoni sempre più brevi: se il primo è durato circa 8 anni, il secondo durerà 5, il terzo un anno e mezzo. Si tratta di situazioni in cui le persone si separano in modo “sintomatico”, senza mai comprendere il perché, senza mai scavare in se stesse e cercare quella sorta di “patto segreto” che ha condotto alla scelta di quello specifico partner. E’ importante notare che in Italia solo il 40% dei separati chiede il divorzio, evidentemente perché vuole riorganizzarsi con una nuova unione. Tutti gli altri non procedono, forse non avvertono la stessa urgenza».

- I parlamentari sottolineano la necessità che il nostro Paese si adegui ai tempi europei e decongestioni i tribunali.

«Quella della separazione è una delle decisioni più difficili della vita, anche per le coppie non sposate. La gestazione della decisione dura in media due anni. Una volta dichiarata la volontà, i tempi interiori (sia di chi riceve la notizia sia di chi la promuove) sono molto lunghi. C’è tutto un carico di sofferenza, risentimento, delusione da smaltire. Inoltre, ci sono anche i tempi legati alla riorganizzazione della vita: trovare una nuova casa, tenersi o trovare il lavoro, evitare il collasso economico, comunicare la scelta ai figli, quando ci sono, e programmare anche il loro futuro, la condivisione della potestà, l’introduzione di eventuali nuovi partner».

- Una macchina complessa.

 «Una rivoluzione vera e propria, scandita da tempi diversi da quelli disposti dalle istituzioni. E’ chiaro che se la nuova proposta di legge andrà in vigore detterà una maggiore velocità a queste fasi, soprattutto per le coppie senza figli. Ma l’importanza del tempo, lo ripeto, non è trascurabile. Se non per la riconciliazione, che purtroppo è molto rara, almeno per l’elaborazione del lutto, per l’analisi necessaria a ripartire, riorganizzando la propria vita, senza replicare in modo seriale gli stessi errori».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo