logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
 

L'Isis attacca Gentiloni e l'Italia

14/02/2015  Dopo che il ministro aveva affermato che il nostro Paese è pronto a un intervento in seguito all'avanzata degli estremisti in Libia.

Il Governo italiano entra ufficialmente nella lista dei nemici dello Stato islamico (Isis), che ha oggi definito il ministro degli esteri Paolo Gentiloni "ministro dell'Italia crociata".

Lo si apprende dall'edizione odierna del radiogiornale ufficiale dell'Isis, diffuso dall'emittente al Bayan da Mosul nel nord dell'Iraq. L'edizione mattutina del giornale-radio di al Bayan, l'emittente che trasmette dalla capitale dell'Isis in Iraq, afferma che Gentiloni, "ministro degli esteri dell'Italia crociata", "dopo l'avanzata dei mujahidin in Libia ha detto che l'Italia è pronta a unirsi alla forza guidata dalle Nazioni atee per combattere lo Stato islamico".

L'espressione "Nazioni atee" in arabo è un riferimento implicito alle Nazioni Unite: le due espressioni in arabo sono molto simili.

Tag:
Multimedia
Copenaghen sotto assedio: le foto del doppio attentato
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo