Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
 

L'Istat prova a misurare il benessere

07/02/2013  È stato presentato oggi dal presidente Giovannini il Bes, un insieme di indicatori in grado di valutare non solo la crescita economica, ma anche l'ambiente, l'istruzione, la sanità...

Quello che ha presentato oggi all'Accademia dei Lincei il presidente dell'Istat Enrico Giovannini non è un esercizio intellettuale astratto e fine a sé stesso. Tutt'altro: assumere il Bes, anziché il Pil, come criterio di misura del benessere di una società o di una nazione fa una grossa differenza.

Partiamo dalle parole. Il Pil è il Prodotto interno lordo, ovvero l'indice mondiale utilizzato per misurare la crescita economica degli Stati. Finora il Pil ha goduto di un'egemonia pressoché totale; ha avuto, per così dire, il monopolio come metro di valutazione della ricchezza, occupando spesso anche territori che non gli competevano, grazie all'ambiguità del concetto stesso di ricchezza. Da tempo molti voci si erano levate per far notare che, se il Pil ha i suoi meriti e, appunto, il suo valore come indicatore della crescita economica, ovvero di ciò che un sistema è in grado di produrre dal punto di vista strettamente "quantitativo", mostra limiti spaventosi allorché gli si chiede di misurare tutto ciò che possiamo raccogliere sotto il termine "benessere". Con dei clamorosi effetti paradossali: un'azienda che produce un qualche bene ma che inquina, contribuisce comunque a incrementare il Pil, così come un'impresa di armi... Mentre chi eroga servizi - dalla scuola alla sanità - può addirittura figurare, in questo contesto, come un costo che non apporta alcun contributo al Pil.

Di qui la necessità di un fratello del Pil, da tempo all'ordine del giorno dell'Unione europea, grazie alla riflessione di grandi intellettuali, come il Nobel per l'economia Joseph Stiglitz o il filosofo Edgar Morin.

La presentazione del Bes inserisce anche il nostro Paese in tale dibattito. Per Bes si intende "Benessere equo sostenibile", ovvero un indicatore che, affiancandosi e superando il Pil, cerca di fotografare in maniera più realistica e completa lo stato di "salute" di una società. A tal scopo Cnel e Istat hanno coinvolto alcuni fra i maggiori esperti dei diversi aspetti che contribuiscono al benessere - la salute, l'ambiente, il lavoro, le condizioni economiche, l'istruzione...  -, le parti sociali, settori della società civile... Il risultato è uno strumento per guardare al benessere dei cittadini nella sua compessità, oltre la mera categoria economica. Il Bes considera 12 aspetti del benessere, avvalendosi di ben 124 indicatori statistici.

Ci si può domandare in quale modo il Bes, una volta messo a punto e assunto dai Governi, possa incidere positivamente sulla vita delle persone. Esso è anzitutto uno strumento conoscitivo, in grado di dirci con maggiore approsimazione alla realtà come sta una società, un Paese, una nazione. Una più approfondita conoscenza della reale situazione dobrebbe poi orientare e declinare in maniera più efficace e mirata l'azione politica e governativa, consentendole di colpire con l'attività legislativa le zone critiche (le disuguaglianze, la negazione del diritto allo studio, il mancato accesso alle cure sanitarie, la disoccupazione...).

Benvenuto Bes, dunque.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo