Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
MALTEMPO
 

L'Italia affonda nelle polemiche

17/11/2014  Mentre il maltempo imperversa sul Centro-Nord continua lo scaricabarile tra Governo e Regioni. Ci sarebbe un piano da ottanta miliardi di euro per la messa in sicurezza del Paese. ma i soldi ce li ha Juncker...

L'Italia affonda sotto la pioggia insieme alle sue vittime e la politica non trova di meglio da fare che regolare i suoi conti, come sta avvenendo in casa Pd tra Claudio Burlando, governatore della Liguria in ginocchio e il premier Matteo Renzi. L'Italia è stremata ma è sommersa, oltre che dalla pioggia, dal battibecco sterile, dal chiacchiericcio politico, dalle accuse che si rimpallano da una Regione all'altra, da un ente all'altro: magistrato delle acque, enti locali, protezione civile, Comuni, province, Governo, tutti contro tutti, specialità della casa. Renzi attacca Burlando, che non è un renziano, e annuncia che è finito l'epoca dei condoni e che dobbiamo rottamare vent'anni di abusivismo edilizio, i governatori replicano che i condoni li ha fatti Roma.

Le polemiche sull'emergenza idrogeologica nel nostro Paese sono come la pioggia a Genova: non finiscono mai. E già un tweet del sottosegretario alla Presidenza Graziano Delrio ricorda che le “le Regioni sanno che entro il 4 dicembre debbono presentare i nuovi accordi di programma per gli interventi sul dissesto”. Ma piangere sulla pioggia versata, richiamare alle responsabilità o giocare al "piove Governo ladro" non serve a niente: è evidente che ci sono colpe collettive che risalgono addirittura a prima del Dopoguerra, come nel caso della cementificazione del corso del torrente Bisagno di Genova. Per i ricercatori del Cnr nella città della lanterna bisognerebbe radere al suolo interi quartieri costruite  lungo la zona fluviale o addirittura nel bel mezzo degli alvei dei fiumi. Abbiamo costruito a ridosso di montagne, lungo i corsi d’acqua, dove tracimano i fiumi, su terreni franosi.

E gli amministratori locali, lo Stato, gli enti locali hanno sempre generosamente condonato perché politicamente è molto più conveniente condonare e incassare la riconoscenza del cittadino che mettere in campo progetti idrogeologici di là da venire. Del resto sta qui la differenza tra un politico e uno statista o quanto meno un buon amministratore, si è sempre detto: guardare oltre il proprio orizzonte elettorale. E’ dal Dopoguerra che regna l’abusivismo edilizio. Cancellare tutto con un bel colpo di bacchetta magica non è possibile. Fare in modo che la tendenza non si ripete sarebbe già molto. Lo scaricabarile continua e l’Italia affonda. Ci sarebbero pronti oltre duemila progetti di ricostruzione, annuncia il Governo con una certa prosopopea, ma non ci sono i soldi. Anzi, per la verità ci sarebbero ma è una faccenda europea: l’Italia infatti ha chiesto 40 miliardi degli 80 necessari, al piano Juncker dell’Unione. Come dire: tutto sulla carta. Carta bagnata, oltretutto.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo