logo san paolo
sabato 13 agosto 2022
 
Tifosi
 

La lezione tra gli applausi dell'ultrà "Bocia" in Senato

08/04/2016  In libertà vigilata per lesioni, espulso dagli stadi, eppure Claudio Galimberti con altri leader delle curve ieri ha ricevuto un'ovazione in un incontro organizzato da alcuni parlamentari per discutere delle misure contro il tifo violento.

Ci mancava solo che esplodesse nell'urlo "Viuuulenza!" del suo quasi sosia Diego Abatantuono in Eccezziunale veramente. Ma non ne ha avuto bisogno, Claudio Galimberti, detto "Bocia", capo-ultrà dell'Atalanta, per ricevere gli applausi scroscianti in un'aula del Senato italiano. Dalle 22 alle 6 del mattino per lui c’è il coprifuoco, perché deve scontare una condanna a 3 anni per lesioni. Ma di giorno può uscire e così ieri mattina  si è messo giacca e cravatta e si è presentato in una sala del Senato prenotata da Vito Crimi del Movimento 5 stelle, invitato con altri capi ultrà di 25 squadre di calcio e di altri sport, a partecipare a un incontro organizzato dagli avvocati Giovanni Adami e Lorenzo Contucci per discutere, insieme ad altri politici come il leghista Gian Marco Centinaio, Loredana De Petris e Paolo Cento di Sel  e Mario Tullo del Pd, sul Daspo, la disposizione che impedisce ai tifosi violenti di entrare allo stadio, un provvedimento che lo stesso Bocia si è visto applicare ben 9 volte.


L'incontro doveva affrontare la questione di un disegno di legge sulleliminazione del doppio Daspo disposto dalla questura e, in caso di condanna, dalla magistratura. Ma il Bocia, vista l'aria favorevole, con i suoi sodali è andato ben oltre chiedendo di eliminare i divieti di utilizzare fumogeni, petardi, di togliere la tessera del tifoso obbligatoria, le multe per chi cambia il posto assegnato sugli spalti,  Il tutto in nome del diritto di tornare a una vita di passione, che è qui dentro di noi da quando siamo bambini. E giù con gli applausi.

Il presidente del Coni Giovanni Malagò ha così commentato: Fa stupore che chi è sottoposto a regime di sorveglianza non può entrare in uno stadio e poi…”. Ma perché stupirsi? Un Paese che consente a Salvuccio Riina di parlare indisturbato da padrino mafioso nella principale Tv pubblica, può benissimo ospitare in Senato il "Bocia" per discutere di violenza negli stadi.

 

 

Multimedia
Il "Bocia" e l'arringa ultras al Senato: è standing ovation
Correlati
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo