logo san paolo
sabato 19 giugno 2021
 
Sicurezza
 

Trump nella bufera: uno scandalo al giorno.

17/05/2017  Il presidente americano ammette di aver rivelato al ministro degli esteri russo Lavrov informazioni top secret sulle attività dell'ISIS ed è sospettato di aver tentato di bloccare una indagine dell'FBI. "Una tempesta in un bicchier d'acqua", minimizza Putin.

“L’America cerca una baby sitter”, titola in copertina il quotidiano francese Liberation accanto a una foto di Donald Trump. Vista l’età del personaggio, 71 anni fra un mese, forse sarebbe più opportuna una badante per tenere a freno i comportamenti imprevedibili e compromettenti di un presidente sempre più fuori dagli schemi.

L’ultima tempesta su Trump riguarda quanto è accaduto mercoledì 10 maggio alla Casa Bianca, quando il presidente ha accolto il ministro degli esteri russo, Sergei Lavrov, e l’ambasciatore russo a Washington, Sergei Kislyak. L’incontro avviene in un contesto molto delicato. Il giorno prima Trump ha licenziato il capo dell’FBI James Comey ed è in corso una inchiesta dell’FBI su possibili interferenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016 (Mosca tifava per Trump contro la Clinton).

Incurante di questo delicatissimo contesto, Trump decide di scambiare con i suoi ospiti alcune informazioni top secret, riservatissime, che gli sono state passate da un governo straniero (molto probabilmente quello israeliano, che si appoggia a una rete di servizi segreti tra le migliori del mondo). Le informazioni top secret, secondo quanto scrive il Washington Post, riguarderebbero le attività dell’ISIS.

Le rivelazioni del giornale scatenano le polemiche, in un primo tempo la Casa Bianca nega, ma  alla fine è lo stesso Trump a rivendicare su Twitter il suo diritto “a condividere con la Russia fatti riguardanti il terrorismo e la sicurezza dei voli”. Anche il consigliere per la sicurezza nazionale McMaster spiega che il comportamento di Trump è stato “pienamente appropriato”.

Da parte sua il presidente russo Vladimir Putin minimizza. Dichiara che si tratta di una tempesta in un bicchier d’acqua e si dice pronto  a inviare  ai membri del Congresso americano una trascrizione dei colloqui fra Trump e Lavrov. In vena di scherzare, Putin ha aggiunto che dovrà rimproverare Lavrov per non aver condiviso con lui alcune delle informazioni segrete ricevute da Trump.

Intanto il New York Times  ritorna sulla vicende delle interferenze russe nella campagna elettorale rivelando che Trump aveva chiesto a febbraio al capo dell’FBI di chiudere l’inchiesta federale in corso sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale, il generale Michael Flynn, costretto alle dimissioni. “Flynn è un brav’uomo, spero che tu possa lasciar perdere”, avrebbe detto Trump a Comey. Se i fatti saranno confermati, per Trump si annunciano guai seri. Per un presidente, ostacolare una indagine in corso è un fatto gravissimo. Fu uno dei capi di accusa contro Richard Nixon, quando fu messo in stato di accusa per lo scandalo Watergate. Ma per il momento l’ipotesi di un impeachment contro Trump resta improbabile. Il Congresso è saldamente in mano ai repubblicani e nessun reato è ufficialmente contestato a Trump. Ma la sua abilità a calarsi in così tanti pasticci in soli 5 mesi di presidenza lascia sgomenti e in  un editoriale il New York TImes già si chiede se Trump non sia un "presidente criminale". 

I vostri commenti
15
scrivi

Stai visualizzando  dei 15 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%