Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
premio lucchetta
 

L'Unicef premia Famiglia Cristiana

27/04/2015  Il riconoscimento "I nostri angeli", nell'ambito del premio giornalistico internazionale "Marco Lucchetta", è stato assegnato al nostro settimanale per essersi distinto per il suo impegno a favore della tutela dell'infanzia nel mondo e per la costante attenzione su questi temi

Prestigioso riconoscimento per Famiglia Cristiana premiata con il Premio Unicef “I Nostri Angeli”, introdotto quest’anno nell’ambito del Premio giornalistico internazionale “Marco Luchetta” per valorizzare la testata giornalistica che più si è distinta nei temi legati alla tutela dell’infanzia nel mondo.  
Il riconoscimento, che si affianca alle sezioni consuete del Premio Luchetta, è stato assegnato al nostro settimanale «per la grande attenzione che da sempre dedica alle tragiche vicende che coinvolgono i bambini di tutto il mondo. Per la sensibilità con la quale ha raccontato e racconta tutt’oggi le storie di chi soffre o non è in grado di far sentire la propria voce, in una prospettiva sempre attenta e rigorosa ai diritti degli innocenti e dei più deboli spesso resi invisibili dall’indifferenza globale».  

Ad annunciarlo a Trieste il portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini con il segretario di Giuria del Premio Luchetta Giovanni Marzini e la presidente della Fondazione, Daniela Luchetta. La cerimonia di premiazione si svolgerà giovedì 2 luglio, al Politeama Rossetti di Trieste, nell’ambito della Serata “I nostri Angeli”, momento clou del Premio che si svolgerà quest’anno dal 29 giugno al 2 luglio.

«Con grande orgoglio», ha dichiarato Giacomo Guerrera, presidente dell’UNICEF Italia, «partecipiamo al Premio giornalistico Marco Luchetta, con una sezione dedicata. A nome della famiglia dell’UNICEF, ringrazio la Fondazione  Luchetta per quest’importante occasione a dimostrazione di una condivisione dei nostri stessi principi e ideali. Come UNICEF siamo fermamente convinti che tutti i bambini hanno il diritto di esprimere la propria opinione e noi, da qui, abbiamo il dovere di dar loro voce, ovunque essi siano. Sono 62 milioni i bambini che vivono in contesti di crisi umanitarie. Con il premio “I Nostri Angeli” vogliamo rompere il muro di indifferenza che ci separa dai bambini più svantaggiati e ai margini delle società e ridare attenzione alle emergenze, che troppo spesso vengono dimenticate».

«La Fondazione Luchetta festeggia la collaborazione con l'Unicef attraverso un Premio che sposa gli ideali comuni:  la tutela dell’infanzia e dei suoi diritti rientra da sempre nella mission e nel DNA del Premio Luchetta – spiega Daniela Luchetta, presidente della Fondazione -  “I nostri Angeli” è un Premio per smuovere l’indifferenza e accendere i riflettori sulle emergenze che troppo spesso non sono illuminate dai riflettori dell’informazione, e che non trovano l’attenzione del mondo».  

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo