logo san paolo
giovedì 23 settembre 2021
 
dossier
 

L'Unicef: stop bambini soldato

12/02/2015  Su 59 parti in conflitto attive oggi nel mondo 57 sono accusate di reclutare e usare bambini soldato. Decine di migliaia di ragazzi e ragazze sono associate con le forze armate e gruppi armati nei conflitti in oltre 20 Paesi in tutto il mondo. Molti sono stati forzatamente vittime, testimoni e partecipanti di atti di brutalità indicibile. Oggi la Giornata internazionale.

I bambini sono sempre più esposti al reclutamento e vittime dell'uso da parte di gruppi armati nei conflitti di tutto il mondo che diventano sempre più brutali, intensi e diffusi. Lo hanno detto oggi l’Unicef e il Rappresentante speciale delle Nazioni Unite per i bambini nei conflitti armati in occasione della Giornata internazionale contro l'uso dei bambini soldato.

«Mentre i governi di tutto il mondo hanno fatto progressi nel riconoscere che i bambini non possono avere alcun ruolo nei loro eserciti, il reclutamento di bambini soldato è ancora un problema enorme, in particolare con i gruppi armati», ha spiegato Leila Zerrougui, il Rappresentante speciale del Segretario generale per i bambini e conflitti armati. «Su 59 parti in conflitto individuate dal Segretario generale per gravi violazioni contro i bambini, 57 sono accusati di reclutare e usare bambini soldato».

L'Unicef e l'Ufficio del Rappresentante speciale sono impegnati in un intervento urgente per porre fine alle gravi violazioni contro i bambini, tra cui l'assunzione e l'utilizzo da parte di gruppi armati. È necessario che ovunque le parti in conflitto rispettino gli obblighi del diritto internazionale.

«Il rilascio di tutti i bambini dai gruppi armati deve avvenire senza indugio», ha detto il vicedirettore esecutivo dell’agenzia per l’infanzia dell’Onu Yoka Brandt. «Investire in modi per tenere i bambini lontano dalle prime linee, anche attraverso l'istruzione e il sostegno economico, è assolutamente fondamentale per il loro futuro e il futuro della loro società».

Decine di migliaia di ragazzi e ragazze sono associate con le forze armate e gruppi armati nei conflitti in oltre 20 Paesi in tutto il mondo. Molti sono stati forzatamente vittime, testimoni e partecipanti di atti di brutalità indicibile.

250 minori ancora usati come baby soldati

In Afghanistan, nonostante i progressi compiuti per porre fine al reclutamento e impiego di bambini nelle forze di sicurezza nazionali, i bambini continuano a essere reclutati dalle parti in conflitto, come la Rete Haqqani. Nei casi più estremi, i bambini sono stati usati come attentatori suicidi, per la fabbricazione di armi e il trasporto di esplosivi.

Nella Repubblica Centrafricana, ragazzi e ragazze di appena otto anni sono stati reclutati e utilizzati da tutte le parti coinvolte nel conflitto per prendere parte direttamente alle violenze inter-etniche e religiose.

Nella Repubblica Democratica del Congo, le Nazioni Unite documentato nuovi casi di reclutamento di bambini da parte di più gruppi armati che operano nella parte orientale del Paese. I bambini, in alcuni casi di soli 10 anni, sono stati reclutati e utilizzati come combattenti, o in funzioni di supporto, come facchini e cuochi. Le ragazze sarebbero state usate come schiave sessuali o sono state vittime di altre forme di violenza sessuale.

In Iraq e Siria, l’Isis e la proliferazione di gruppi armati hanno reso i bambini ancora più vulnerabili al reclutamento. Piccoli di 12 anni sono in fase di addestramento militare e sono stati usati come informatori, o sono stati utilizzati in attività di pattugliamento, nei  posti di blocco e per proteggere punti strategici. In alcuni casi, sono stati utilizzati come attentatori suicidi e per effettuare esecuzioni.

L'Unicef lavora con i partner per sostenere i bambini, una volta che vengono rilasciati dai gruppi armati. Proprio di recente è iniziato il rilascio graduale di circa 3.000 bambini del Sud Sudan da parte dell'Esercito democratico (Ssda) Cobra Faction. Più di 500 bambini sono stati rilasciati nelle ultime due settimane e attualmente sono sostenuti e assistiti per il reinserimento nella vita civile. Ulteriori rilasci sono previsti nel corso del mese prossimo.

La Giornata internazionale contro l'uso dei bambini soldato

La Giornata internazionale contro l'uso dei bambini soldato è stata fissata 13 anni fa, quando il Protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti del fanciullo, sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati, è entrato in vigore il 12 febbraio 2002. Questo protocollo è stato adottato dall’assemblea Generale delle Nazioni Unite nel maggio 2000 ed è stato ratificato da 159 stati.

Il Rappresentante Speciale del Segretario Generale per i bambini nei conflitti armati

Il Rappresentante Speciale del Segretario Generale per i bambini ei conflitti armati è il principale sostenitore delle Nazioni Unite per la protezione dei bambini coinvolti nei conflitti e porta la voce dei minori colpiti dalla guerra agli organi più alti dell’Onu. Dal 1999, il coinvolgimento sistematico del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha consentito al Rappresentante speciale e al complesso sistema Onu di denunciare, impegnarsi con le parti in conflitto e reagire a gravi violazioni contro i bambini.

L'UNICEF

Promuove i diritti e il benessere di ogni bambino. Insieme a partner consolidati, lavora in 190 paesi e territori per tradurre questo impegno in azioni concrete, concentrandosi particolarmente nel raggiungere i bambini più vulnerabili ed esclusi, ovunque.

Multimedia
Bambini soldato, Valerio Mastandrea per Intersos
Correlati
I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%