Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Droga, 250 mila morti l'anno

10/01/2012  In tutto il mondo, secondo uno studio della rivista "Lancet", circa 200 milioni di persone fanno uso di droghe. E 250 mila perdono la vita per l'abuso di sostanze stupefacenti.

Non è incoraggiante il quadro che emerge dalla ricerca del National Drug and Alcohol Research Centre dell’Università del New South Wales di Sydney, appena pubblicata sulla rivista Lancet: circa 200 milioni di persone nel mondo, da un minimo di 149 ed un massimo di 271 milioni, fanno uso di droghe. Questo significa che sono consumate da 1 persona su 20 nella fascia d'età 15-64 anni, senza dimenticare che potrebbe trattarsi di un dato sottostimato, visto il carattere di illegalità del commercio delle sostanze tossiche. Le droghe considerate nell’indagine sono gli oppioidi, le amfetamine e la cocaina, mentre rimangono fuori alcool e fumo.

Gli autori dello studio fanno notare che a causa delle conoscenze limitate sull’uso e la natura dei danni correlati, non sono mai stati valutati, inoltre, gli effetti negativi di altre sostanze quali MDMA (ecstasy), droghe allucinogene, sostanze inalanti o l’utilizzo non-medico di benzodiazepine (come il valium) o degli steroidi anabolizzanti.

Nello specifico dell’indagine, emerge che 125-203 milioni di persone nel mondo usano la cannabis, 14-56 milioni le amfetamine, 14-21 milioni la cocaina e 12-21 milioni gli oppioidi. La cannabis è consumata principalmente in Australia e in Nuova Zelanda, mentre l’uso degli oppioidi, inclusa l’eroina, è più forte nel vicino e medio Oriente.  La cocaina è consumata, invece, soprattutto in Nord America.

I rischi maggiori associati al consumo sono sostanzialmente quattro: il rischio overdose o, più in generale, di tossicità immediata subito dopo l'uso, quello di incidenti connessi alla reazione immediata della sostanza, la dipendenza, gli effetti a lungo termine sulla salute. Rimane estremamente alto il numero di morti per droga: ogni anno nel mondo 250.000 persone perdono la vita a causa degli stupefacenti, contro le 2,25 milioni di vittime per l’alcool e i 5,1 milioni di morti per il tabacco.

E’ una quota enorme in termini di vite umane e occorre non abbassare la guardia sui programmi di prevenzione e recupero. Gli autori precisano, inoltre, che non esiste alcun metodo standard per stimare la vera dimensione dei consumatori di droghe illecite, e che nessun metodo è appropriato per tutte le sostanze stupefacenti o per tutti i paesi.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo