Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
Cei
 

Don Bruno Bignami: "La biodiversità aiuta la vita"

08/09/2019  La Giornata nazionale per la custodia del creato, che si celebra oggi, ricorda che bisogna cambiare stili di vita per difendere la natura e l'uomo. E dare una speranza di futuro alle nuove generazioni. Intervista al responsabile dell'ufficio Cei per i problemi sociali e il lavoro.

Il mare e la collina. Dal santuario di Gibilmanna alle acque di Cefalù è la diocesi siciliana, quest’anno, ad ospitare la Giornata nazionale per la Custodia del creato dedicata al Coltivare la biodiversità.

«Con questo tema», spiega il direttore dell’Ufficio Cei per i problemi sociali e il lavoro, giustizia e pace e salvaguardia del creato, don Bruno Bignami, «abbiamo una ulteriore occasione per riflettere sul dono che Dio ci ha affidato che è la creazione. Un tema molto suggestivo. Intanto perché ci viene detto non solo di salvaguardare, ma di coltivare. C’è un ruolo attivo nella nostra umanità e anche nell’esperienza ecclesiale. Ruolo che va vissuto al servizio della creazione e del dono che Dio ci ha dato con la biodiversità».

Come si articola questo messaggio?

«I vescovi ci consegnano tre parole: la prima è contemplazione, la capacità di lodare Dio per ciò che è la varietà della creazione nella sua molteplicità. La seconda è di avere lo sguardo preoccupato. La preoccupazione è legata al fatto che oggi la biodiversità è minacciata, così come è minacciata la creazione laddove inquinamento e scelte irresponsabili dell’uomo rischiano di calpestarla».

E infine?

«Da ultimo c’è la parola impegno. Un termine che ci sollecita a essere attivi nel creare occasioni non solo di riflessione, ma di cambio di stile di vita, di capacità di coltivare la biodiversità nel quotidiano, di fare scelte a volte anche difficili e impopolari, ma che possono, in realtà, custodire meglio la creazione».

Per esempio?

«Basti pensare al riprendere i semi antichi, alla capacità di studio di ciò che è il valore della biodiversità e del suo impatto sull’uomo. L’agire richiede un discernimento comunitario sulle scelte più opportune».

Che contributo darete all’imminente Sinodo sull’Amazzonia?

«Al Sinodo ci saranno i delegati della Conferenza episcopale. Il nostro compito è di educare le coscienze e di educare i territori rispetto a questi temi e di renderci conto che l’Amazzonia non è qualcosa di lontano, ma che ha delle implicazioni molto vicine a noi, rispetto alla nostra vita quotidiana e al nostro vissuto per cui degradare e impoverire l’Amazzonia significa degradare una ipotesi di futuro anche per le giovani generazioni».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo