Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
Il Teologo
 

«Il sacerdote cambia alcune frasi della Messa: ma può?»

08/11/2018 

ANGELA - Il nostro sacerdote cambia alcune frasi della Messa: «Scambiamoci... andiamo...», invece di «Scambiatevi... andate...». Così anche: «Agnello di Dio che togli il peccato del mondo». Inoltre il Venerdì santo l’altare è stato addobbato con fiori e immagini simboliche.

La norma generale proibisce di «mutare alcunché di propria iniziativa in materia liturgica» (SC 22). Tuttavia, anche nella celebrazione liturgica non tutti i gesti e le parole hanno lo stesso valore. Le esortazioni cui si fa cenno erano in origine riservate al diacono che, secondo lo stile di allora, “ordinava” gesti e atteggiamenti all’assemblea e pertanto usando la seconda persona plurale. È una grave infrazione se oggi si usa la prima persona plurale? È il caso di farne un problema? Che non si osservino certi segni che manifestano chiaramente il significato di una celebrazione come il Venerdì santo è, invece, assai riprovevole. Spazi di libertà e di adattamento sono previsti e persino presupposti, ma esigono intelligenza dei riti e responsabilità verso l’assemblea.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo