logo san paolo
giovedì 20 gennaio 2022
 
 

Chiesa: con l'umanità, per servirla

21/10/2012  In occasione della Giornata missionaria mondiale, papa Benedetto XVI ha sottolineato che l'annuncio della Buona Novella è legato all'attenzione alle donne e agli uomini di oggi.

«Il Figlio dell’uomo è venuto per servire e dare la propria vita in riscatto per molti». Citando le parole di Gesù, dalla liturgia odierna del Vangelo di Marco, Benedetto XVI ha sottolineato che, nella domenica in cui si celebra la Giornata missionaria mondiale, «la Chiesa le ascolta con particolare intensità e ravviva la consapevolezza di essere tutta intera in perenne stato di servizio all’uomo e al Vangelo, come Colui che ha offerto se stesso fino al sacrificio della vita».

Il Pontefice ha ricordato la felice coincidenza tra l’Assemblea sinodale dei vescovi sulla nuova evangelizzazione e la Giornata missionaria: «La Parola di Dio che abbiamo ascoltato mostra lo stile dell’evangelizzatore, chiamato a testimoniare e annunciare il messaggio cristiano conformandosi a Gesù Cristo, seguendo la sua stessa via. Questo vale sia per la missione ad gentes, sia per la nuova evangelizzazione nelle regioni di antica cristianità».

Quindi Papa Ratzinger si è soffermato sul significato della proclamazione di sette nuovi santi, «diversi per origine, lingua, nazione e condizione sociale» ma «uniti con l’intero Popolo di Dio nel mistero di salvezza di Cristo, il Redentore». Ed ha auspicato che la loro testimonianza «possa parlare oggi a tutta la Chiesa e la loro intercessione possa rafforzarla e sostenerla».

Una riflessione che ha ampliato nel consueto Angelus domenicale, affidando «alla materna protezione della Vergine Maria i missionari e le missionarie che in ogni parte del mondo spargono il buon seme del Vangelo» e inviando un pensiero a Lourdes, colpita da una grave esondazione del fiume Gave, che ha allagato anche la Grotta delle apparizioni.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo