logo san paolo
sabato 07 dicembre 2019
 
dossier
 

La Chiesa dei fatti e la politica delle chiacchiere

30/08/2018  La Cei, accogliendo 100 dei rifugiati bloccati a bordo della nave, ha fatto uscire dallo stallo. Ora ci vorrebbe più concretezza da parte di tutti. L'anticipazione del Primo Piano del condirettore di Famiglia Cristiana Luciano Regolo, dal numero 35 in edicola da oggi

Nel deserto di egoismi e slogan propagandistici, nella ridda di chiacchiere, polemiche, veleni e fake news, si staglia, silenziosa e concreta, l’azione della Chiesa. Una Chiesa dei fatti, una Chiesa che reagisce con l’impegno e l’opera, piuttosto che con le sterili parole. Ogni cattolico può e deve sentirsi fiero della decisione della Cei di accogliere 100 dei migranti rimasti per cinque giorni a bordo della Diciotti con il divieto di sbarco. Con l’intervento di don Aldo Bonaiuto e la mediazione del direttore dell’Ufficio nazionale comunicazioni sociali della Cei, don Ivan Maffeis, in costante contatto con il presidente della Conferenza episcopale, cardinale Gualtiero Bassetti, il ministro dell’’Interno alla fine ha dato il suo assenso. Questi stranieri in condizioni di estrema sofferenza, fuggiti a orrori indicibili che si consumano da tempo in Paesi come l’Eritrea, andranno, ha spiegato papa Francesco sull’aereo del ritorno da Dublino, nel centro di accoglienza straordinaria “Mondo Migliore”, a Rocca di Papa, a Sud della capitale, dove «cominceranno a imparare la lingua e a essere migranti integrati», in attesa di essere ospitati nelle diocesi che hanno dato disponibilità.

Le ragioni di questa scelta le ha spiegate in un’intervista al Tg di Tv2000 Maffeis: «Abbiamo deciso di entrare in una situazione di stallo che era ormai diventata insostenibile per tutti. Vedere queste persone su una nave italiana attraccata sulle nostre coste e impossibilitate a scendere era intollerabile anche dal punto di vista umanitario. È ovvio che stiamo parlando di una soluzione che è legata all’emergenza, una soluzione che di fronte al no dell’Europa e al braccio di ferro che ha tenuto il ministro su questa questione è stata l’unica che siamo riusciti a individuare ». Chiarissimo il messaggio di cui si è fatto portavoce: «Non si fa politica sulla pelle di poveri e disperati».

QUEL SONDAGGIO “SCADUTO”

Strumentalizzazioni e slogan sono quanto mai pericolosi in questo momento, ma certi politici e anche certe testate sembrano non rendersene conto. C’è chi spaccia sondaggi di un anno fa, quand’era in carica un altro ministro degli Interni (Minniti) per urlare che l’85 per cento dei cattolici è con la linea dura di Salvini e persino far dire a un vescovo forse “distratto” che il leader leghista «si comporta meglio di Famiglia Cristiana» e a lui stesso, in quel di Pinzolo, che i veri credenti sono dalla sua parte e non con la nostra testata. Ma noi non facciamo il tifo, non siamo per la politica da stadio, abbracciamo i valori della nostra fede. E continueremo a farlo. Si può essere discordi, certo, persino in questo intendimento, ma ci vorrebbe sempre un senso etico e deontologico che invece certi colleghi ai quali preferiamo non replicare come da oramai un mese a questa parte, sembrano avere del tutto smarrito.

La Procura di Agrigento ha iscritto nel registro degli indagati il ministro degli Interni e il capo di gabinetto per il caso Diciotti con l’ipotesi di sequestro di persona e abuso d’ufficio. Non gioverà alzare i toni su questo, non dare addosso a Salvini, ma neppure attaccare la magistratura perché il soccorso e l’accoglienza ai rifugiati politici sono doveri costituzionalmente garantiti e non solo un obbligo etico o religioso.

Si prenda, piuttosto, questo caso come un’occasione da cui trarre insegnamento: la linea dura con l’Europa, se mai, andrebbe sostenuta sui tavoli “diplomatici” e non in proclami “rubapplausi” (si è aggiunta anche la minaccia di sospendere il contributo all’Ue) che non stanno portando ad alcun risultato, se non quello di accendere collere sociali, confondendo animi agitati da comprensibili paure. Alla fine se anche salissero i consensi, si rischia di restare sempre più isolati come Stato e di andare a picco, non solo con le nostre coscienze.

(foto in alto: attività nel centro "Mondo Migliore" di Rocca di Papa, dove la maggior parte dei migranti della Diciotti è stata accolta)

Multimedia
Ecco come si (soprav)vive a bordo della Diciotti
Correlati
La psicologa di Msf e i bambini sulla Diciotti: «Erano esausti e uno di loro è stato al buio per un anno»
Correlati
Ecco come si (soprav)vive a bordo della Diciotti
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%