Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
A DUE MESI
 

La Chiesa per i terremotati: finora donati 9 milioni

24/10/2016  Il 24 agosto un terremoto di magnitudo 6 colpì il Centro Italia causando 279 morti e circa 400 feriti. Il bilancio degli interventi coordinati dalla Caritas, con l'ammontare (ancora parziale) della colletta del 18 settembre.Il 26 ottobre e il 9 novembre il cardinale Angelo Bagnasco visita i paesi devastati dal sisma nelle diocesi di Ascoli Piceno, Rieti e Spoleto-Norcia.

L'impegno prosegue. La Chiesa italiana non ha dimenticato i terremotati. Continua ad aiutarli.  In attesa degli esiti complessivi della colletta dello scorso 18 settembre, sono finora pervenuti a Caritas Italiana da donazioni di singoli, comunità e diocesi 9 milioni di euro, incluso 1 milione di euro messo a disposizione dalla Conferenza episcopale italiana dai fondi 8xmille. Intanto, dopo la vicinanza e la preghiera portata da papa Francesco lo scorso 4 ottobre, mercoledì 26 ottobre e mercoledì 9 novembre anche il cardinale Angelo Bagnasco si reca in visita nelle diocesi di Ascoli Piceno, Rieti e Spoleto-Norcia.

A due mesi esatti dal sisma,  l
a Caritas fa il punto degli interventi. Grazie ai centri di ascolto attivati nelle zone colpite e grazie alla costante presenza dei volontari, la Chiesa italiana ha garantito un’attività di relazione, accompagnamento e informazione. Nel contempo ha fornito sostegno alle persone accolte nelle tendopoli e ha distribuito generi di prima necessità. Non è mancato il sostegno ai sacerdoti e ai religiosi, così come il monitoraggio costante delle persone che vivono nelle frazioni e nelle case sparse nelle zone del sisma. Un’attenzione particolare ha riguardato minori, anziani, ammalati e le famiglie delle vittime, sia in loco, che in altre province o all’estero. Dopo la mappatura delle situazioni e dei bisogni, sono stati erogati contributi per aziende agricole e zootecniche, aiuti per la nascita di nuova imprenditoria, si è provveduto all’acquisto diretto di beni e servizi e sono stati realizzati interventi per il ripristino delle attività. In attesa di far seguire all’ascolto dei bisogni risposte e progetti mirati di costruzione e ricostruzione - in particolare relativi alla realizzazione di centri polifunzionali per riannodare relazioni e rapporti comunitari - sono state comunque attivate strutture di emergenza.

Come espressione di comunione ecclesiale e nella prospettiva di incontro e scambio tra comunità sono stati anche avviati i “gemellaggi”, secondo le esperienze sperimentate in analoghe emergenze. Con la diocesi di Rieti si sono gemellate le Caritas di Lazio, Lombardia, Basilicata, Toscana e Puglia; con la diocesi di Ascoli Piceno e le altre Diocesi delle Marche si sono gemellate le Caritas di Marche, Piemonte-Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Calabria; con la diocesi di Spoleto-Norcia le Caritas di Umbria, Nord est, Campania e Sardegna; infine con le Diocesi di L’Aquila e Teramo si sono gemellate le Caritas di Abruzzo-Molise e Sicilia. Le Caritas della Liguria hanno dato disponibilità e si orienteranno a seconda dei bisogni che emergeranno.

La Caritas italiana prosegue la raccolta fondi utilizzando il conto corrente postale numero 347013 o tramite altri canali, tra cui il sito on line  www.caritas.it (causale "Terremoto centro Italia") o un bonifico bancario specificando nella causale “Terremoto centro Italia”.
Nel dettaglio, i riferimenti bancari sono:
• Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma –Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113
• Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474
• Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013
• UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119
Ulteriori aggiornamenti sono disponibili sul sito www.caritas.it, tramite l’account Twitter @CaritasItaliana e quello Facebook www.facebook.com/CaritasIt.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo