logo san paolo
domenica 03 luglio 2022
 
 

La Chiesa non fa e disfa governi

30/09/2011  Il segretario della Cei Mariano Crociata precisa le parole di Bagnasco. La nuova denuncia della gravità della crisi. Nessun partito cattolico.

 “La Cei non fa i governi e nemmeno li manda a casa”. Così ieri mattina il segretario della Conferenza episcopale italiana monsignor Mariano Crociata ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se la prolusione del cardinale Angelo Bagnasco fosse da leggere come un appello alle dimissioni del premier Silvio Berlusconi, presentando il comunicato finale del Consiglio permanente alla Radio Vaticana: “E’ del tutto fuori luogo attribuire intenzioni del genere alla prolusione”. Crociata ha spiegato che la Cei “non vuole esprimere giudici complessivi sulla maggiore o minore vicinanza alla Chiesa di un governo rispetto ad un altro”: “Questo ci porterebbe su un terreno politico improprio, mentre la Cei esprime per ragioni istituzionali valutazioni e indirizzi su specifici temi che riguardano i valori di fondo della persona e della vita, anche quella sociale, perché è questo che attiene alla missione della Chiesa”.

 Nel comunicato si ribadisce che la “questione etica” investe molti ambiti e c’è “il rischio diffuso di un progressivo impoverimento delle famiglie, a fronte di provvedimenti economici che stentano a contenere la gravità della crisi”. Crociata ha confermato che la Cei chiede “la partecipazione attiva dei cattolici alla vita pubblica”. Ciò non vuol dire organizzare un nuovo partito, ma  promuovere “il giacimento culturale e di valori del mondo cattolico, che è nel tessuto sociale del Paese e che supera anche i confini di appartenenza religiosa” sforzandosi di “convergere su una piattaforma comune, ma senza nostalgie per il passato”.  

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo