Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 19 giugno 2024
 
Il Teologo
 

La Chiesa sta cambiando...anche le preghiere!

26/06/2020 

SERGIO I. - Insieme a tanti altri cambiamenti nella Chiesa, anche le preghiere vengono modificate: il Padre Nostro, il Gloria, l’Ave Maria. Dovrebbe essere cambiato anche il modo di recitarle.

 «Una cosa è il deposito stesso della fede, vale a dire le verità contenute nella nostra dottrina, altra cosa è la forma con cui quelle vengono enunciate conservando ad esse lo stesso senso e la stessa portata» (Giovanni XXIII, Discorso di apertura del Concilio, 11 ottobre 1962). Questo principio non vale solo per le definizioni dottrinali, ma anche per la preghiera cristiana, che non è una formula magica. Esigenza divenuta più urgente con l’uso della lingua parlata. Per questo è stata fatta una traduzione del verbo “indurre” per evitare ogni ambiguità di interpretazione da parte della maggioranza dei fedeli. Nel Gloria della Messa è stata fatta una più corretta traduzione della “buona volontà” che nel testo greco si riferisce alla benevolenza di Dio. Nell’Ave Maria nulla è cambiato nella sua recitazione, ma soltanto nel testo biblico, dove il semplice Ave è stato tradotto più correttamente con “Rallegrati”. Quanto alla recitazione comunitaria Sergio ha ragione, ma questo dipende da chi è responsabile della formazione e delle celebrazioni.

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo