logo san paolo
giovedì 07 luglio 2022
 
Il solito Governo
 

Alla famiglia solo promesse, «le risorse servono per altro»

11/10/2017  Per la terza volta abbiamo assistito al giochetto del poliziotto buono e di quello cattivo: l'Esecutivo  tesse le lodi, il ministro dell’Economia frena gli entusiasmi. E per le famiglie non cambia nulla

Anche la Terza Conferenza sulla famiglia si è conclusa con il solito annuncio finale, da parte del ministro dell’Economia, Carlo Padoan: «Sì, va bene, la famiglia è importante, ma le risorse sono poche e per adesso non se ne parla». Eppure le parole iniziali degli esponenti e delle più importanti cariche dello Stato (compreso il premier Gentiloni) non avevano risparmiato complimenti e riconoscimenti alla famiglia. Così, nonostante lo slogan “Più forte la famiglia, più forte il Paese”, la posizione finale espressa dal Governo è stata: «Il sentiero è stretto, le risorse servono per altro».

Perché sorprendersi? Eravamo presenti a Firenze 2007, alla Prima Conferenza sulla famiglia, ministro Rosi Bindi, premier Romano Prodi e ministro dell’Economia Tommaso Padoa Schioppa. Anche lì grandi elogi, grandi promesse, uno slogan altrettanto rassicurante “Cresce la famiglia, cresce l’Italia”. Addirittura l’impegno finale di destinare un terzo del “tesoretto” alla famiglia (parole di Prodi). Eppure, anche davanti ai duemila di Firenze risuonò il monito del ministro dell’Economia: «Se ci sono risorse. Ricordatevi che ci sono altre priorità». E poi il tesoretto sparì tutto quanto.

Anche a Milano 2010, Seconda Conferenza (“Famiglia: storia e futuro di tutti”), i duemila delegati si sono visti consegnare dal sottosegretario Carlo Giovanardi l’impegno di un Piano nazionale. Ma poi un altro ministro, Giulio Tremonti, che stringeva i cordoni della borsa. Il Piano venne approvato due anni dopo (Governo Monti, ministro Andrea Riccardi) con due principali difetti: non venne finanziato e venne totalmente stralciata la parte sulla riforma del fisco.

E allora perché i 300 delegati della Terza Conferenza, a Roma, si sono sorpresi per l’ennesimo giochetto? Una politica capace di grandi voli retorici quando si tratta di “parlare” di famiglia, ma avara quando si tratta di impegnare risorse per il suo sostegno.

Insomma, per la terza volta, nella Conferenza nazionale della famiglia abbiamo assistito alla scena del poliziotto buono e poliziotto cattivo; il Governo fa l’amico e poi arriva quello cattivo, il ministro dell’Economia, a ricordare che il sostegno alla famiglia non entra tra le priorità strategiche. Così le famiglie restano imprigionate nei propri problemi, nelle banali ed evidenti sfide della propria quotidianità, senza nessuno che dia loro una mano. Alla faccia degli slogan e della retorica. Sarà arrivato il tempo per le famiglie di far sentire la propria voce?

I vostri commenti
11

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo