logo san paolo
giovedì 20 gennaio 2022
 
 

La coppa che non ci sarebbe senza Mandela

11/06/2010 

11 giugno 2010. Calcio d'inizio del mondiale di calcio in Sudafrica. Ripubblichaimo un servizio apparso in quell'occasione su FamigliaCristiana.it 

Nemici per la pelle, ma anche per la palla, riflesso anche lei di un mondo spezzato.
 Quando l'Apartheid divideva il Sudafrica tutto era diviso, anche lo sport, odiato e amato in quanto riflesso simbolico degli uni e degli altri. La palla ovale, del rugby ereditato dalla dominazione britannica, era bianca. La palla tonda del calcio, giocato ovunque, anche tra le baracche di Soweto, era nera e non solo perché non sarebbe stato altrettanto facile mettere insieme un ovale di stracci.

    Certamente c'entra il fatto che il rugby è stato fino al 1994 un gioco riservato ai bianchi, e la Nazionale fino ad allora un feudo pallidissimo. Anche la Nazionale di calcio per la verità non ammetteva i neri, ma non andava a giocarsi niente di importante, cacciata via dalla Fifa per 16 anni, dal 1976 al 1992, per la segregazione razziale in contrasto con i valori della Federazione internaizionale di calcio, che non sarà un modello di virtù, ma almeno fin lì è arrivata. 

    Per tutto questo e per come è finita, Nelson Mandela ormai novantaduenne e minato nella salute, viene acclamato a furor di popolo almeno per l'avvio della Cerimonia di apertura del Mondiale. Il Sudafrica non riesce a concepire questo mondiale senza  "Madiba" lì presente. Perché senza il suo lavoro, compiuto, per tessere il sogno della nazione arcobaleno, la Coppa del mondo non sarebbe mai sbarcata a Johannesburg.

    Il primo filo, di quel tessuto, ancora così complicato da tenere insieme, ha preso forma seguendo i rimbalzi di una palla ovale nella diffidenza generale.
Merito di Mandela che vedeva lontano. Gli Springbocks, le gazzelle, erano una delle squqdre di rugby più forti al mondo ed erano gli idoli della minoranza bianca del Paese. Quando Mandela venne eletto presidente, molti dei suoi sostenitori avrebbero voluto azzerare la storia degli Springbocks a partire dalla maglia, per tagliare i ponti con un passato doloroso. Mandela si oppose, era convinto che colpire la passione sportiva dei suoi avversari politici, sarebbe stato letto come una vendetta foriera di ulteriori divisioni. 

    Convinse i suoi ad accettare che gli Springbocks restassero con i loro simboli, ma contemporaneamente lavorò perché la squadra diventasse emblema della nuova unità del Sudafrica sotto la bandiera arcobaleno, adottata nel 1994. In vista del Mondiale di rugby, assegnato al Sudafrica nel 1995 per salutare il nuovo corso del Paese finalmente libero dalla segregazione e capace di esprimere il primo presidente nero della sua storia repubblicana, Mandela si mise a lavorare sulla squadra da dentro, chiedendo la collaborazione dell'incredulo capitano afrikaan Francois Pienaar, perché da catalizzatore d'odio (i bianchi fino ad allora l'avevano idolatrata e i neri di riflesso detestata) si assumesse, anche consapevolmente, il compito di rappresentare per intero il nuovo paese. Presero il compito sul serio, fino a vincere, spinti anche dalla responsabilità, il campionato mondiale contro gli All Blacks ben più forti e quotati. 
    
     Se oggi i Sudafricani desiderano Mandela allo stadio, però, non è soltanto perché ricordano quel grande lavoro, e perché forse sperano che il ricorso della storia regali anche ai Bafana Bafana, i ragazzi, della nazionale gialloverde un risultato di prestigio, ma anche per la storia di Robben Island, il carcere dei detenuti politici, dove il diritto di giocare a calcio venne negoziato per mesi a prezzo di dure punizioni e poi ottenuto dai detenuti, e vissuto come un laboratorio di democrazia. Dal 2007, la Makana Football Association, la federazione di calcio che i detenuti fondarono nel carcere, è membro onorario della Federazione internazionale di calcio. 
    
    Mandela si trovava a Robben Island in quegli anni, ma l'isolamento cui era condannato gli impediva di giocare. L'attuale presidente Jacob Zuma invece giocò, ma non farà fatica ad accettare che il calcio d'inizio di questa Coppa del mondo, che esordisce con Sudafrica-Messico, nello stadio a forma di zucca di Johannesburg tocchi almeno idealmente, anche se non potrà alzarsi, a Nelson Mandela, anzi a Madiba. Perché il calcio d'inizio vero l'ha dato lui tanto tempo fa. Anche se la Nazione arcobaleno dovrà giocare un bel po' di partite con la storia prima di meritarsi anche lei il Nobel per pace. Mentre i Bafana Bafana, che sono ragazzi davvero, figli di un campionato di calcio che ha avuto una serie A solo dal 1996, avranno il compito complicato di portare avanti oltre alla palla un sogno tanto più grande di loro.

Multimedia
Nelson Mandela: il simbolo della libertà africana
Correlati
','Nelson Mandela e Francois Pienaar: il ricordo di un vero amico')\">"); } else if (type == 5 || type == 20 || type == 27 || type == 36) { var script = $('#video-nav-5 figure a').first().attr('href').replace(", true", ", false"); eval(script); } fcfn.initSidebarThumbSlider('#video-nav-5', '#pagination-articolo-5', '400'); });
Nelson Mandela e Francois Pienaar: il ricordo di un vero amico
Correlati
Nelson Mandela: il simbolo della libertà africana
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo