logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
 

La dignità degli esseri umani e degli animali

24/03/2016  È doveroso conciliare il bene umano e il bene animale. Il rapporto degli esseri umani con gli animali non è area indipendente dalla morale del rispetto-giustizia che, come esigenza minima, si traduce nel «non uccidere».

GIADA R.
Il comandamento di non uccidere è riferito agli uomini, non agli animali, posti a servizio dell’uomo, cioè per il suo bene. Egli se ne può cibare o usarli per sperimentazioni. È sbagliato trattarli male, perché sono creature di Dio.

La dignità propria dell’essere umano, uomo e donna, non conduce a ignorare quella propria degli animali. Prima che utili (valore strumentale) valgono per sé stessi (valore finale); non sono oggetti o strumenti, ma esseri viventi e senzienti; prima che all’essere umano o, meglio, insieme con lui, dicono riferimento al Creatore. È semplicistico, perciò, dire che sono a esclusivo servizio (bene) dell’uomo, così che ne possa disporre quando serve e conviene. Il rapporto degli esseri umani con gli animali non è area indipendente dalla morale del rispetto-giustizia che, come esigenza minima, si traduce nel «non uccidere». Così, è giusto distinguere tra alimentazione carnivora per necessità e industria della carne. E ha senso rivedere criticamente la sperimentazione animale per testare prodotti medici e chimici; e altre questioni ancora. Nelle situazioni confl“ittuali, è doveroso conciliare il bene umano e il bene animale.

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo