Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
I RISCHI DELLA RETE
 

Col 5xmille contrastiamo la dipendenza dal web

29/05/2023  Sta diventando la nuova droga dei giovanissimi e Fondazione Carolina, che da anni si batte per la lotta al cyberbullismo, quest'anno dedica la campagna 5x1000 al progetto "Mollalo!", un intervento tempestivo in soccorso di tutti quei bambini e ragazzi che, inconsapevolmente, cadono nella morsa del web

Carolina è il nome della Fondazione milanese che dal febbraio 2018 si occupa di fornire supporto, favorire la prevenzione e cercare di arginare i casi di bullismo e, soprattutto, cyberbullismo che si consumano ogni giorno a scapito di moltissimi ragazzi in età scolare. Se al giorno d’oggi la consapevolezza dei rischi in cui si può incappare navigando in rete è maggiore rispetto a qualche anno fa, è proprio dal passato che nasce la missione della Fondazione, in nome di Carolina Picchio e della sua storia. Il papà di “Caro”, Presidente Onorario, ha voluto istituire questa Onlus proprio in virtù delle parole lasciate per iscritto da sua figlia, l’appello accorato che aveva lanciato, poco prima di suicidarsi, ai suoi compagni: «Le parole fanno più male delle botte».

La mission e la vision quindi della Fondazione si basano su queste poche semplici parole, in grado di generare un impegno costante nella lotta contro il cyberbullismo dilagante e nella promozione di un’educazione alla cittadinanza digitale delle nuove generazioni. Gli esperti, psicologi, avvocati e commissari di polizia che lavorano per la Fondazione ripartiscono le forze nella ricerca, nello studio e nel monitoraggio delle abitudini dei ragazzi sul web, delle nuove challenge e delle tendenze che potrebbero portare alla creazione di situazioni potenzialmente pericolose. Gestiscono poi un’ampia rete di prevenzione, che spazia dalla sensibilizzazione attraverso conferenze con ragazzi e genitori a vere e proprie campagne mirate. Infine, la Fondazione offre supporto tempestivo per le vittime con il nuovo progetto Re.Te - Rescue Team. Si tratta del primo pronto intervento “cyber" a disposizione delle famiglie, delle scuole e di tutti luoghi frequentati dai ragazzi, dagli oratori ai centri sportivi. Un’equipe di professionisti dalle competenze in ambito educativo, psicologico, legale e comunicativo, che agisce insieme a tutela delle vittime, ma anche per il recupero dei bulli.

Nel 2023, nell’ambito della campagna 5x1000 dal titolo “Mollalo!”, la Fondazione Carolina vuole porre l’accento sull’uso smodato delle tecnologie che causano delle forti dipendenze anche tra i più giovani. Le principali statistiche, infatti, attestano all’82 per cento i giovani a rischio, con circa il 22 per cento degli under 14 nella fascia più esposta. Noia, solitudine, frustrazione e assenza di regole sono alla base di questo fenomeno. Il dato medio sul tempo di connessione online, aggiornato al 2022, racconta che i ragazzi tra gli 11 e i 18 anni trascorrono più di due mesi l’anno sui social network. La gestione tempestiva, quindi, dei casi di violenza online risulta determinante ai fini dell’impatto che determinati episodi possono avere sulla salute psico-fisica dei ragazzi. L’aggravante, molto spesso, è data anche dalla difficoltà dei genitori nel riconoscere tempestivamente queste dinamiche e nel saperle gestire autonomamente. I segnali di pericoli online come sexting, vamping e grooming sono infatti difficilmente percettibili, soprattutto ad un occhio esterno.

Per sostenere la Fondazione Carolina, basta compilare la scheda indicando il proprio codice fiscale e quello di Fondazione Carolina nel riquadro relativo alle Onlus: 97802370151.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo