logo san paolo
lunedì 23 maggio 2022
 
 

La donna senza nome contro lo sfruttamento sessuale

06/11/2013  Dal 1996, in Cambogia, l'Ong AFESIP fondata da un'ex baby prostituta ha liberato più di 4 mila donne e bambine vittime dello sfruttamento sessuale

Oggi si fa chiamare Somaly Mam, ma questa indomita donna cambogiana non ricorda il suo vero nome e nemmeno la sua età precisa. Aveva circa 12 anni, quando fu costretta a subire ripetuti abusi sessuali nel piccolo villaggio rurale di Pnong, per poi essere venduta ai bordelli della capitale, Phnom Penh.

Per un decennio Somaly Mam ha vissuto la realtà abominevole dello sfruttamento sessuale dei minori. Imprigionata, torturata, stuprata, minacciata di morte. Quando è riuscita a scappare, Somaly Mam ha deciso che la sua sofferenza sarebbe servita per salvare bambine e ragazze che avevano conosciuto il suo stesso destino.

Si stima che al mondo esistano ancora 30 milioni di schiavi. Di questi, sono ben 2 milioni i minori e le donne venduti ogni anno nel "mercato" della schiavitù sessuale. Per questa ragione Somaly Mam ritiene che la sua vicenda personale sia importante solo nella misura in cui riuscirà a dare voce ai senza voce, garantendo loro non solo la libertà dallo sfruttamento, ma soprattutto la possibilità di un futuro e una vita normali.

Tornata in Cambogia dopo aver trovato rifugio in Francia, Somaly Mam lavorava come infermiera per Medici Senza Frontiere, quando riuscì a liberare una ragazza da un bordello. Ne seguirono molte altre ancora.

Nel 1996 Somaly fondò la Ong AFESIP (Agir Pour les Femmes en Situation Précaire): da allora si stima che, solo in Cambogia, siano state salvate 4 mila tra donne, ragazze e bambine. Nel giro di 10 anni AFESIP è riuscita a costituire un vero e proprio network di organizzazioni non profit che opera in tutto il Sudest asiatico. Nel 2007, grazie all'intervento di due giovani filantropi statunitensi, Nic Lumpp e Jared Greenberg, è nata la Somaly Mam Foundation, che raccoglie fondi e svolge campagne di sensibilizzazione contro la tratta di esseri umani per fini sessuali.

"Bastano 5 minuti per salvare una ragazza da un bordello, ma ci vogliono 5 anni per curarla", ama ripetere Somaly Mam. Perciò la riabilitazione dalla schiavitù sessuale segue un approccio multidimensionale e personalizzato: emotivo-psicologico, sanitario, educativo ed infine economico-professionale. Nei centri di riabilitazione si vive in un clima familiare, dove le vittime di sfruttamento possono convincersi che la propria vita ha un valore e un futuro diverso è possibile.

In particolar modo, l'attività di AFESIP e della Fondazione sono volte a sradicare il nesso tra estrema povertà e sfruttamento sessuale, favorendo l'avviamento professionale delle ospiti dei centri. Inoltre, dal 2007, la Somaly Mam Foundation ha lanciato il programma "Voices for Change" che coinvolge in prima persona le ragazze ospitate nei centri, che in qualità di sopravvissute offrono testimonianze, partecipano ai salvataggi dai bordelli, fanno da tutor alle nuove arrivate, tengono un programma radio sul traffico di esseri umani e lo sfruttamento sessuale.

Queste ragazze seguono in sostanza l'esempio di Somaly Mam: non si lasciano schiacchiare da un passato doloroso, perché una sola ragazza salvata potrà aiutarne molte altre.

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.afesip.org

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo