Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
star system
 

La ex della rock star morta per droga: «Non sia un mito. Per i suoi figli era già morto»

09/12/2015  La ex moglie scrive una lettera aperta e invita i fan a non glorificare chi muore per droga e, in vita, a causa della droga è stato un pessimo padre. Parole che colpiscono perché conosciamo l'assurda legge dello star system: "vivi di eccessi, muori di overdose e non verrai dimenticato".

Scott Weiland con la ex moglie Mary Forsberg
Scott Weiland con la ex moglie Mary Forsberg

Non è un nome famoso, forse solo i veri cultori sanno chi  è ma Scotte Weiland, morto a 48 anni per overdose, cantante dei gruppi rock Stone Temple Pilots e dei Velvet Revolver, come spesso capita sta avendo, soprattutto grazie ai social,  la sua celebrazione, quella destinata alle rock star vissute pericolosamente e morte prematuramente.

L'artista si è spento nel sonno sul bus della carovana che ospitava la sua attuale band, i Wildabouts, nel corso di una tappa del tour a Bloomington, nel Minnesota. Il gruppo avrebbe dovuto suonare a Medina, nel Minnesota.  Weiland, che aveva avuto problemi di droga e alcol in passato ed era stato arrestato per possesso di crack ed eroina, come Jim Morrison, Kurt Cobain, Amy Winehouse,  Weiland si appresta a diventare un mito. Perché è questa la legge dello star system: vivi di eccessi, muori di overdose e non verrai dimenticato.   

Ma ecco la voce della ex moglie, Mary Forsberg,  la madre dei suoi due figli (Noah e Lucy, rispettivamente di 15 e di 13 anni), che non si unisce al solito coro anzi chiede in una lettera aperta alla rivista Rolling Stones di non mitizzare quest'uomo perché: «i miei figli  hanno perso il padre tanti anni fa, non ieri: quella che hanno perso davvero il 3 dicembre è la speranza». La donna rincara la dose e senza mezzi termini denuncia i danni che la droga aveva fatto al marito rendendolo «un paranoico che non riusciva nemmeno a ricordarsi i testi delle sue canzoni e in quindici anni è stato fotografato pochissime volte con i suoi figli»

E ricorda a tutti la poca gloria che c'è nell'essere tossicodipendenti: «A un certo punto, qualcuno dovrà pure alzarsi in piedi e accusare, dicendo che quel che è successo a Scott succederà ancora ad altri, perché noi, come società, quasi incoraggiamo avvenimenti come questi».

Conclude così invitando i fan a non esaltare questa tragedia ma a lottare piuttosto perché non se ne ripetano altre: «La nostra speranza per Scott è morta, ma c'è ancora speranza per altri. Facciamo che questa sia la prima volta in cui non glorifichiamo una tragedia parlando di rock'n'roll e dei démoni che, in ogni caso, non necessariamente sono connessi al rock. Non comprate certe deprimenti T-Shirt con le cifre 1967-2015 stampate sopra - usiamo quel denaro per portare un ragazzo a giocare a pallone a prendere un gelato».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo