logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
Il Teologo
 

La fecondazione eterologa è la via giusta?

21/09/2015  Una donna affetta da una rara malattia genetica può, secondo la Chiesa, utilizzare la fecondazione eterologa per mettere al mondo un figlio sano? La risposta del teologo.

Per me la fecondazione eterologa vuol dire dare una speranza in più di vita normale a mia figlia (affetta da malattia genetica molto rara), senza dover rinunciare a un figlio per non trasmettergli la sua malattia.  

Una mamma


La preoccupazione per la figlia, affetta da una malattia genetica, perché abbia  un’esistenza autonoma e, in un domani, anche la possibilità di avere un “figlio sano”, merita ascolto e aiuto.
Ma la fecondazione eterologa è la via giusta? La fecondazione eterologa, a differenza dell’omologa, compromette il bene (diritto) del nascituro ad avere genitori certi; distacca la paternità/maternità biologica da quella affettiva e sociale; rischia la  perdita, più o meno numerosa, di embrioni per ottenere il risultato sperato.

In breve, non basta che il fine sia buono (avere un figlio sano), è importante che siano buone anche le vie per raggiungerlo. La morale cattolica non intende colpevolizzare le coscienze; il suo compito è aiutare a intraprendere le modalità giuste che si esigono per la trasmissione della vita umana.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo