Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
Il Teologo
 

«Chi non riconosce Gesù come Salvatore si salva o no?»

27/03/2019 

MARCO G. Se nell’Eucaristia siamo salvati dalla grazia di Cristo, chi non accetta il sacrificio di Gesù e non lo riconosce come Salvatore si salva o no?

La fede che salva è insieme dono (grazia) e risposta dell’uomo alla parola di Dio. Nella fede la grazia e la libertà si coniugano misteriosamente e, quando tale incontro si realizza, esso si esprime nelle opere e si celebra nei sacramenti, in particolare l’Eucaristia. Il Vangelo, infatti, accolto nella fede, non è una pura teoria, né un insieme di norme da eseguire, ma tende a incarnarsi e quindi a coinvolgere non solo la mente e lo spirito, ma anche il corpo del cristiano, in un incontro tanto reale da includere la fisicità del mangiare e del bere. Poiché l’atto di fede implica l’esercizio della libertà, è sempre possibile il rifiuto. Determinare fino a che punto sia deliberato e consapevole non spetta a noi. Anche la condanna compete solo a Dio. E se qualcuno accoglie la parola di Dio nell’autentica fede cristiana, non può non viverla nella sua logica sacramentale e nell’esperienza della comunità credente. Gli equivoci nascono perché non siamo in grado di innestare i sacramenti nella vita di fede e di mostrarne il nesso profondo e inscindibile. Di qui la necessità di un continuo impegno di evangelizzazione per la Chiesa e per ciascuno di noi.

TOP LIBRI RELIGIOSI

  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo