logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
Liturgia
 

Ascensione, perché nel Rito ambrosiano si celebra il giovedì?

13/05/2021  Nella liturgia ambrosiana, spostare l’Ascensione al giovedì non è una scelta che considera più la tradizione della partecipazione della comunità?

Risponde Marco Navoni.
Risponde Marco Navoni.

Nella liturgia ambrosiana, spostare l’Ascensione al giovedì non è una scelta che considera più la tradizione della partecipazione della comunità?

Gianfranco B.

È vero che la solennità dell’Ascensione nel rito ambrosiano è stata riportata al 40° giorno dopo Pasqua, secondo l’indicazione cronologica che leggiamo negli Atti degli apostoli e secondo la costante tradizione liturgica della Chiesa, ma per motivi pastorali si può ripetere la celebrazione di tale solennità anche alla domenica successiva. Oltre alla fedeltà al dato biblico e alla tradizione della Chiesa, la scelta di celebrare in ogni caso l’Ascensione al 40° giorno dopo Pasqua vuole mettere in evidenza la specificità del calendario liturgico che non deve avere come sua prima preoccupazione quella di adeguarsi in ogni caso al calendario civile, spesso mutabile (come si è verificato con la festa dell’Epifania, prima soppressa e poi riportata alla data tradizionale). In fondo per i primi tre secoli i cristiani celebrarono con fedeltà la domenica, con grandi sacrifici e anche con il rischio reale del martirio, quando la domenica non era ancora giorno festivo, insegnandoci che la partecipazione alla liturgia dipende più dalle convinzioni che dalle comodità di calendario.

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo