Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
dossier
 

La figlia senza velo e le leggi dello Stato

20/04/2017  Allontanarla dalla famiglia che l’ha rasata è stato giusto? O è vero che l’integrazione è un processo lento che non si può imporre per legge?

La ragazzina non vuole coprirsi la testa con il velo islamico, allora la madre la punisce rasandole i capelli a zero. Ultima di tre sorelle, ha 14 anni, frequenta la terza media di Borgo Panigale, Bologna, appartiene a una famiglia immigrata dal Bangladesh che vuole mantenere le tradizioni. Ma lei si vergogna di farsi vedere in classe con quel velo imposto e così, appena esce di casa, se lo toglie. Ed ecco pronta la rasatura punitiva.

La dirigente scolastica si indigna al punto da presentare ai carabinieri una denuncia per maltrattamento di minore. E così la ragazzina viene allontanata dalla famiglia e accolta in una struttura protetta. Poi tutto si complica. La madre, intervistata, risponde piangendo: «Non è vero che l’ho costretta, è lei che me lo ha chiesto». E sui motivi della rasatura ha le sue spiegazioni: «S’era spuntata alcune ciocche da sola perché i capelli le sembravano troppo lunghi. Così abbiamo deciso insieme di tagliarli a zero». E aggiunge un altro motivo: «Aveva pure i pidocchi, allora le ho detto: “Dai, che i capelli te li tolgo tutti, vedrai che con la ricrescita si rinforzano”. Così si fa dalle parti nostre».

La vicenda finisce sui giornali e arrivano i commenti. Si sbilancia su Twitter l’ex premier Renzi: «Allontanare la bambina dalla famiglia è stato doloroso ma giusto. In Italia non c’è accoglienza senza rispetto delle leggi». Il sindaco di Bologna Virginio Merola: «Questo caso mi sembra un esempio classico di autoritarismo familiare». Interviene anche il ministro dell’Interno Marco Minniti che dichiara: «Chi vuole vivere in Italia deve accettare i valori e i princìpi dell’ordinamento statale. Nessuna violenza “ fisica o psicologica può essere tollerata».

Ai “difensori dei diritti” vorrei porre qualche domanda. Allontanare un’adolescente dalla famiglia non è peggio che rasarla? Si può configurare come maltrattamento di minore una rasatura per motivi che sembrano ragionevoli, come il taglio sbagliato o i pidocchi? Perché imporre le nostre usanze a immigrati che arrivano da altre culture? L’integrazione è un processo lento che non può essere imposto per legge.

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo