Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
Il Teologo
 

La frase «Patì sotto Ponzio Pilato» è un falso storico?

16/09/2021 

Recito con riluttanza la frase del Credo «Patì sotto Ponzio Pilato». Dare a lui tutte le colpe della crocifissione mi sembra una mistificazione. Gli ebrei si sono assunti la responsabilità della sua morte.

Adriano B.

«Patì sotto Ponzio Pilato» (Simbolo apostolico) o «Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato» (Simbolo niceno-costantinopolitano) non è un’accusa, ma un semplice riferimento cronologico per collocare l’evento Gesù in un preciso momento della nostra storia e affermare che non si tratta di un personaggio mitico, ma di una persona in carne e ossa. Preoccupazione che emerge anche dai Vangeli che collocano la nascita di Gesù, il suo battesimo al Giordano e l’inizio della sua predicazione in precisi e documentabili momenti storici (cfr. Lc 2,1; 3,1-3). Pilato non è senza colpa poiché, sebbene consapevole dell’innocenza di Gesù, cedette di fronte all’accusa di non essere amico di Cesare (Lc 23,16-27). Se alcuni ebrei, manipolati dai notabili del tempio e del sinedrio, hanno chiesto la morte di Gesù, non è lecito accusare tutto il popolo ebraico, né di ieri e tanto meno di oggi. Gesù è stato condannato ingiustamente, ma ha accettato la morte volontariamente per rivelare fedelmente l’amore di Dio anche di fronte alla malvagità degli uomini.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo