Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
Washington
 

La grande marcia contro l'America a mano armata

25/03/2018  Centinaia di migliaia di giovani dicono "no" alle armi facili.

March Four Our Lives. Marcia per le nostre vite. È lo slogan che sabato 24 marzo ha portato nelle strade degli Stati Uniti e in varie città del mondo centinaia di migliaia di giovani. I manifestanti hanno chiesto di proteggere la loro vita dalle armi da fuoco, la cui vendita negli Stati Uniti è ancora troppo facile. Il movimento di protesta è nato dopo la strage del 14 febbraio, quando 17 persone, in maggioranza studenti, sono state uccise da un killer in un liceo di Parkland, in Florida.

Una studentessa sopravvissuta alla strage di Parkland, Emma Gonzales, è stata protagonista della grande manifestazione di Washington. Emma è andata la microfono sul palco, ha letto i nomi delle 17 vittime, poi è rimasta muta davanti al microfono per 6 minuti e 20 secondi, lo stesso periodo di tempo in cui il 14 febbraio ha agito il killer.

La manifestazione di Washington, nella quale si sono esibiti artisti come Ariana Grande e Miley Cyrus, è stata la più imponente fra quelle organizzate ieri. Gli studenti hanno issato cartelli con scritte come: “Proteggete i bambini, non le armi” e “Sarò io il prossimo?”. Un comunicato della Casa Bianca ieri ha lodato i coraggio dei giovani manifestanti, tuttavia il presidente Donald Trump ha passato la giornata giocando a golf in Florida e non ha mandato neanche un tweet di simpatia ai giovani scesi in piazza.

Multimedia
A Washington centinaia di migliaia di ragazzi protestano contro le armi
Correlati
I vostri commenti
24

Stai visualizzando  dei 24 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo