logo san paolo
sabato 05 dicembre 2020
 
 

Juve, come ti sgranocchio il Boemo

29/09/2012  Fin troppo facile per la Juventus triturare la Roma. Aspettando la Champions, gli juventini hanno schiacciato la squadra di Zeman e annullato qualunque polemica.

Zdenek Zeman, allenatore della Roma (foto Reuters).
Zdenek Zeman, allenatore della Roma (foto Reuters).

Il successo largo, impietoso, chirurgico senza uso di anestetico, della Juventus a Torino sulla Roma ha ribadito la legge del più forte, viene da dire del più fortissimo, appunto la Juventus, alla quale il 4 a 1 sta stretto,se si pensa che dopo una ventina di minuti c’era già un 3 a 0 più due traverse e un paio di occasioni mancate per il solito soffio. 

Ma l’evento, la sentenza destinata a segnare forte il campionato, a tatuarlo come  fosse la schiena di uno dei tanti, troppi  nostri giocatori tanto, troppo “illustrati”, devono accettare la concorrenza di un’altra legge che serve a tutti: quella per cui, nel calcio, se un evento è demonizzato alla vigilia dalla paura di fattacci a esso collegati, quasi automaticamente viene esorcizzato:  in  altre parole, il teppista annunciato prova più paura o meno gusto ad esercitare il teppismo previsto, teme precauzioni “contro” e se ne sta bravo. 

Così gli annunci, i timori, addirittura le predescrizioni dell’inferno bianconero in cui incapsulare Zeman, il perfido nemico giallorosso questa volta, ma in realtà l’uomo ostile sempre, sono serviti alla costruzione intorno a Zeman di un sistema di accoglienza perfetto e quasi cortese. Se si vuole, lui ha ricambiato offrendo alla Juventus, di cui da sempre critica conduzione sociale, sistema sanitario, rapporti particolari con gli arbitri, allergia ad ogni tipo di giustizia, sportiva e non, sistematica recitazione per farsi credere vittima di soprusi, e addirittura inganno nei conti, 30 scudetti quando sono 28, offrendo dicevamo a questa Juventus una sua Roma a maglie più larghe che mai, una sua Roma ente calcistico di beneficenza sul campo. 

I difensori giallorossi troppo avanti, perforati dalle verticalizzazioni bianconere, il correre di tutti, cioè anche attaccanti e centrocampisti, poco intenso e niente convinto, i marcamenti generosi… Lo Zeman pensiero, un gol più degli avversari,  che non può funzionare contro la squadra più cinica d’Italia, oltre che più forte, mentre magari basta e avanza per un’Inter (fatto), un Milan, anche un Napoli, vedrete. E addirittura  Zeman è stato autore inconscio del rilancio di Pirlo, il cervellissimo bianconero lasciato liberissimo di ritrovare eccome se stesso dopo un qualche declino nelle ultime partite e un turno di riposo coatto.


La gioia dei giocatori della Juventus (foto Ansa).
La gioia dei giocatori della Juventus (foto Ansa).

E la partita del previsto inferno, del pubblico fremente verso il boemo da sempre brutto e cattivo nei riguardi della Signora, è diventata così una faccenda quasi arcadica, in cui la Juventus ha messo la sua maggior forza diciamo anche decisionale. Meglio così, si capisce, per tutto il calcio. Meglio così, nella circostanza della partita di Torino, per la Juventus che non deve immergere nessuna lama rovente nell’acqua gelida per  farla più mortifera, le basta il fioretto usato con una eleganza, una semplicità che diventano anche praticità. La Juventus che non ha Conte in panchina (e Zeman anche a Conte si era dedicato, sostenendo che sotto squalifica non poteva o almeno non doveva allenare), ma che fa tutto come se Conte fosse addirittura in campo. La Juventus che sul mercato ha inseguito il top player e per fortuna non ce l’ha fatta a ingaggiarlo, con estri e guadagni lui magari avrebbe destabilizzato l’insieme. ·


E a chi ha visto la partita è venuto ad un certo punto il sospetto che la Juventus si occupasse, oltre che del conseguimento e della gestione del risultato, anche dalla tonalità del match, acciocché esso non risultasse deludente sul piano dello scontro psicofisico. E allora ecco che il bianconero Vucinic viene quasi alle mani con il bianconero Bonucci che tratta male il giovane giallorosso Florenzi,  forse un ragazzino che applaudiva Vucinic quando il montenegrino giocava nella Roma: uno sketch che neanche se preparato a lungo poteva venir meglio. ·  

E che fa adesso Zeman? Si gonfia di revanchisno (ma come? ma quando?) o si sgonfia di umiliazione? Noi speriamo che Zeman  resti Zeman, il censore che rafforza gli interventi a mano a mano che il tempo gli fa roca e debole la voce. E per capire di più di una Juventus che comunque molto e bene già si è fatta conoscere ed apprezzare in tanto mondo del pallone 2012, aspettiamo martedì, a Torino, il turno di Champions League contro gli ucraini dello Shakhtar Donetsk:  per capire se la Signora andrà avanti in Europa come in Italia, se triturerà gli Zeman e non solo loro.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%