logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 
Patagonia
 

La libera repubblica dei ghiacci

12/04/2014  E' nata con l’intento di proteggere i ghiacci millenari che costituiscono una riserva idrica strategica per il Cile e per l’America del Sud. L'azione di Greenpeace. Nel rispetto del diritto internazionale.

Fondare un nuovo Stato si può e non si tratta in questo caso di separatismi o indipendentismi più o meno etnici, ma di ragioni legate al bene comune. Di tutti, non dei pochi che aderiscono a nuovi confini. Così è nata la Republica glaciar, lo Stato del ghiaccio, se volessimo tradurre alla lettera. Un’iniziativa di Greenpeace con tanto di abitanti, passaporti, e perfino con l’apertura di 40 ambasciate all’estero.

Tutto inizia in Cile, lo scorso 5 marzo, quando Greenpeace ha fondato sul versante cileno della Cordigliera delle Ande questa repubblica autonoma che comprende tutti i ghiacciai del Cile, dalle pendici dei vulcani dell’estremo Nord fino a quelli vicini a Capo Horn, per una superficie di circa 23.000 chilometri quadrati, pari all’82% di tutti i ghiacciai del Sudamerica che costituiscono una riserva idrica strategica per il Cile. Da quel giorno la popolazione è cresciuta a un ritmo vertiginoso, fino a sfiorare (fino a oggi, almeno) i 100 mila cittadini.

Perché questa repubblica è nata? Perché in Cile non esiste una legge che protegga adeguatamente i ghiacciai e le altre vette ghiacciate delle Ande dallo sfruttamento delle multinazionali, che magari pretendono di poter “spianare” parte di quel territorio per le imprese minerarie che vi si insediano. «In Cile –spiega Matías Asún, direttore di Greenpeace Chile – esiste un vuoto legislativo che non riconosce enormi masse di ghiaccio come parte della propria sovranità e come bene pubblico da tutelare ». República Glaciar nasce proprio con l’intento di proteggere questi ghiacci millenari che costituiscono una riserva idrica strategica per il Cile e per l’America del Sud.

L’obiettivo è trasmettere questo messaggio in tutto il mondo per spingere il governo cileno a riconoscere i ghiacciai come patrimonio comune e a tutelarli con una legge specifica: «Nel momento in cui ciò avverrà – ha dichiarato Matías Asún – il territorio verrà restituito al Cile». Pochi giorni dopo il 5 marzo, un gruppo di volontari si è recato presso lo Hielo continental patagónico, la regione più ampia della República, per prenderne ufficialmente possesso, piantando la bandiera del nuovo Stato. E che l’idea non sia una trovata estemporanea lo dimostra il fatto che la Republica glaciar rispetta i quattro requisiti sanciti dalla Convenzione di Montevideo del 1933: popolazione permanente; territorio determinato; Governo e capacità di entrare in relazione con gli altri Stati.

In Italia è presente a Rivoli, in provincia di Torino, anche l’ambasciatore, Mario Brigando, 68 anni, impegnato da anni sul terreno della salvaguardia dell’ambiente, tanto da aver vinto con una guida per ragazzi un premio a Torino negli anni scorsi. Brigando, per molti anni emigrato in Cile, è socio di Adriantarctica con cui organizza spedizioni a fini didattici in Antartide e non solo: «Ho conosciuto questa iniziativa pochi giorni dopo la nascita dello Stato. In passato ho partecipato a diverse spedizioni esplorative e didattiche con i giovani, tra cui una in Groenlandia, con lo scopo di mettere i n contatto i ragazzi italiani con quelli dell’estremo sud e dell’estremo nord del mondo. Insomma, avuta la notizia, mi sono dato da fare. È una cosa che a quanto pare funziona perché ci sono tutti gli elementi che occorrono per uno Stato».

Quindi, è una cosa seria? «Certo. È un vero e proprio Stato al quale occorreva un certo numero di abitanti. Greenpeace si è organizzata per avere sempre qualcuno che abiti fisicamente sul territorio e per diffondere la cosa e dare forza a questo movimento, allargare queste iniziative ad altri Paesi, quelli che hanno le stesse problematiche che riguardano i ghiacciai. L’iniziativa verrà estesa, comunque, anche all’Argentina perché uno dei primi problemi è stato quello relativo alla miniera Pascua Lama, nel nord, divisa tra Cile e Argentina. Una grossa multinazionale ha sottoscritto un accordo con i due governi per ottenere una specie di zona franca e fare ciò che vuole.

Hanno cominciato a buttare giù parte del ghiacciaio dalla parte cilena, proprio perché non esiste normativa e leggi specifiche in merito. Lo hanno fatto per poter guidare coi camion nella zona. Inoltre hanno utilizzato l’acqua per le lavorazioni minerarie, usando, quindi, anche il cianuro. Pare che la vicenda sia iniziata da lì ma c’è anche un altro progetto che non è ancora iniziato operativamente ma che dovrebbe intaccare in maniera significativa 5.000 ettari di territorio. Dunque, sfruttamento e inquinamento».

Per aderire, per diventare di nazionalità glaciar, cosa si può fare? «La procedura è aperta a tutti: completata la richiesta di adesione su www.republicaglaciar.cl, si viene registrati all’anagrafe e al nuovo cittadino viene inviato il passaporto (anche via internet). Olte al sito, per l’Italia si può contattare me, all’indirizzo di posta elettronica brigamar@libero.it». Il problema dei ghiacciai non riguarda solo l’America del Sud, ma anche l’Europa. Pensate di fare qualcosa? «Mi sono informato e qui in Italia c’è già qualcosa che bolle in pentola. La mia idea è questa: come ambasciatore devo aiutare, per ora, Republica glaciar a vedere cosa è stato fatto altrove, in modo che possa servire come esempio da seguire. Sotto quei ghiacciai ci sono risorse minerali, tante e preziose. Inoltre, bisogna stare attenti all’inquinamento dell’acqua. I ghiacciai inquinati sono un problema che può diventare letale per gli abitanti delle vallate. I ghiacciai sono riserve idriche per chi abita a valle ma potrebbero diventare pericolosi, se inquinati, anche per le zone di Santiago e Valparaiso».

«Sogniamo di arrivare anche a 200.000 abitanti. Da anni si dice che le prossime grandi guerre saranno per l’acqua, quindi vediamo di allontanarle il più possibile», dice come ultima raccomandazione l’ambasciatore italiano di Republica glaciar, Mario Brigando.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo