Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
 

Orrore a Brindisi, bomba di mafia

19/05/2012  Due ordigni davanti a un istituto professionale di Brindisi proprio il giorno in cui avrebbe dovuto passare la carovana antimafia. Una ragazza è morta, altri sei studenti feriti.

La matrice dell'attentato è ancora incerta, ma è quasi certamente mafia. Troppe coincidenze. Qualcosa che ricorda molto da vicino le stragi del '92 contro Falcone e Borsellino e quelle del '93 in via dei Georgofili a Firenze e a Roma in Laterano. In un momento difficile, carico di tensioni, instabile per il Paese, Cosa Nostra torna a colpire e  a mettere in atto la sua strategia della tensione.  Due ordigni nascosti in un cassonetto sono esplosi davanti all'Istituto professionale intitolato a Francesca Morvillo, la moglie di Falcone, proprio il giorno in cui avrebbe dovuto passare la carovana antimafia, alle 7.45, quando gli allievi si accalcavano per entrare.


Sei studenti - a quanto si è saputo finora - sono rimasti feriti e una studentessa di 16 anni, è morta all'ospedale Terrino di Brindisi. Un'altra ragazza sarebbe stata sottoposta a un intervento chirurgico. L'esplosione è stata violentissima, come dimostrano i vetri rotti sia nell'istituto scolastico ma anche in alcune palazzine vicine e un pezzo del cassonetto, dove era stato sistemato l'ordigno, ha danneggiato la saracinesca di un esercizio a un centinaio di metri dal luogo dell'esplosione. Gli studenti feriti sarebbero quasi tutti di Mesagne, dove qualche settimana fa il presidente dell'associazione antiracket Fabio Marini è stato coinvolto in un attentato: esplosa la sua auto. Oggi  a Brindisi era attesa la carovana anti-mafia partita da Roma l’11 aprile.


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo