Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
sfruttare
 

La mamma "facchino" con i pesi per i figli, che brutta scena

27/11/2023  «Ero per strada e ho incrociato una mamma che trascinava due zaini con le rotelle. Era esile e piccolina e si vedeva che faceva fatica. Quando l’ho fissata, ha abbassato lo sguardo imbarazzata» Leggi la risposta Renata Maderna giornalista, 3 figli

Vi scrivo perché sono quasi indignato per quel che ho visto uno di questi giorni. Ero per strada e ho incrociato una mamma che trascinava due zaini con le rotelle. Era esile e piccolina e si vedeva che faceva fatica. 

Quando l’ho fissata, ha abbassato lo sguardo imbarazzata. Poi ho capito… alcuni passi dietro due ragazzotti sui 10-11 anni, belli in carne, camminavano tranquilli scherzando tra di loro. Avrei voluto tornare indietro e dirle: “Butti a terra il peso della cultura e… aiuti i suoi figli a crescere!”. Non vi tedierò con “Ai miei tempi andavamo a scuola senza mamma facchina”.

Ma invece chiedo: non staremo sbagliando qualcosa?

PIETRO

 

Risposta di Renata Maderna

– Caro Pietro, direi proprio di sì. Mamme che lasciano il posto a sedere ai figli, padri affardellati con equipaggiamento tecnico prepartita, per non parlare del mio preferito: genitori che portano in spalla i propri sci e quelli dei figli… adolescenti! Sì, stiamo sbagliando. Tra i vari compiti a cui siamo stati chiamati non è compreso il diventare aiutanti esagerati. Ma, se di fronte a certe situazioni il commento è netto, in altre può diventare più difficile prendere una decisione.

Dove finisce la protezione? Quali sono i limiti della cura? Come si aiuta a crescere senza vizi e senza forzature? Ho gustato l’esempio del girello, con la mamma che dice «Finché non imparerà camminare mettiamolo dentro lì» e il padre che ribatte: «Finché lo mettiamo lì non imparerà a camminare», in un libro intitolato Genitori con filosofia (Erickson) del sempre arguto Luca Mori, che riesce ad affrontare 50 situazioni della quotidianità famigliare legandole agli insegnamenti di Platone, Cartesio e compagni. Ritenuti ostici e lontani e, invece, portatori di preziosi spunti di riflessione per il presente.

Perché il primo passo, come sempre, è fermarsi e guardarsi da fuori come sarà accaduto alla troppo servizievole mamma grazie al tuo sguardo. Per mettersi in discussione e decidere di aggiustare giorno dopo giorno il passo. E anche i pesi.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo