logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
governo
 

Una manovra pericolosa

28/09/2018  Per finanziare il reddito di cittadinanza e la flat tax sforeremo sul rapporto deficit/Pil del 2,4 per cento. Il ministro dell'Economia Tria tace. I vicepremier Salvini e Di Maio esultano. Ma le conseguenze potrebbero essere drammatiche

Il balcone, prima di tutto. E’ dal balcone di Palazzo Chigi che il vicepremier Luigi Di Maio si è affacciato per annunciare, affiancato dai suoi ministri esultanti, che il Governo avrebbe speso 10 miliardi di euro (a debito) per garantire il reddito di cittadinanza, con le bandiere dei Cinque Stelle pronte a srotolarsi sopra una piccola folla sottostante. Una prima assoluta nella storia della Seconda Repubblica: un ministro (nemmeno, per dire, il capo del Governo), che si affaccia al balcone di Palazzo Chigi come se avessimo vinto la guerra, annunciando “la manovra del popolo”.

In realtà un precedente c’è: nel 1982 Giovanni Spadolini, allora capo del Governo, di affacciò dalla loggia di Palazzo Chigi con le dita in segno di vittoria, alla Churchill, dopo la vittoria ai mondiali di calcio. Ma qui si tratta di un ministro, mentre il premier stava dentro, offrendo al suo ospite il palcoscenico della loggia. Con l'exploit di Di Maio c’è chi ha parlato di  reincarnazione del peronismo in salsa italiana, quel mix di populismo, politiche sociali, culto del capo, che dominò per anni la scena sudamericana.

Il problema è che Di Maio rischia di affacciarsi sul baratro. Oggi i mercati hanno reagito malissimo allo sforamento del rapporto deficit/Pil previsto al 2,4 per cento per tre anni nella nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza. Lo spread, che misura la tenuta del debito pubblico e gli interessi dei titoli di Stato, è schizzato a quasi 280 punti, mentre i titoli bancari (detentori della gran parte dei titoli di Stato) sono crollati in borsa. I mercati ritengono che le azioni degli istituti di credito siano meno appetibili proprio per la presenza di titoli di Stato che rischiano di divenire carta straccia. E il ministro dell'Economia? Per ora tace. I vicepremier Di Maio e Salvini invece esultano e ostentano indifferenza tanto per i mercati quanto per il monito dell’Unione europea, che potrebbe infliggerci sanzioni costosissime intimandoci di rientrare nei limiti (il deficit non avrebbe dovuto superare lo 0,8 per cento). “Se la Ue boccia la manovra, noi andiamo avanti”, fa sapere il ministro degli Interni.

Pierre Moscovici, commissario agli Affari economici, ha spiegato laconicamente: “Lo sforamento del deficit porterà a ingrossare ulteriormente lo stock del debito. Se gli italiani continuano a indebitarsi cosa succede? Il tasso di interesse aumenta, il servizio del debito diventa maggiore. Gli italiani non devono sbagliarsi; ogni euro in più per il debito è un euro meno per le autostrade, per la scuola, per la giustizia sociale”. Fare l’esempio della Francia di Macron, che ha deciso di sforare il deficit del 2,8 per cento, serve a poco. La Francia ha un debito pubblico minore (96,4 per cento del Pil) e una credibilità finanziaria maggiore (lo spread è al 32 per cento). Noi abbiamo un debito sovrano del 130,7 per cento e uno spread che punta a 300 (sperando che si fermi). A lungo termine il “conto” di questo sforamento si tradurrà in maggiori tassi di interesse da pagare sui titoli di Stato e quindi in maggiori tasse per i contribuenti. Ed è solo l’inizio.

I vostri commenti
12

Stai visualizzando  dei 12 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo