Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Bambini e fede
 

«La mia nipotina mi ha spiazzato: “Gesù aveva i sandali o le scarpe?”»

19/10/2022  "Sono un nonno molto fiero di sua nipote ma sono rimasto spiazzato quando mi ha chiesto se Gesù avesse i sandali o le scarpe. Lo aveva chiesto alla sua nuova insegnante di religione ma lei ha risposto che è una domanda stupida. A me non sembra stupida, ma non ho mai capito molto di religione.."

Sono un nonno e di religione ho sempre capito poco, ma la mia nipotina di sei anni mi ha spiazzato. Un mese fa è tornata da scuola felice per la maestra di religione appena arrivata, ma anche un po’ arrabbiata per la sua risposta. Ecco il fatto: la maestra parlava di Gesù risorto e la mia nipotina le ha chiesto: “Ma Gesù aveva i sandali o le scarpe?”. La maestra le ha detto che era una domanda stupida! E allora lei, mentre mangiava, lo ha chiesto a me: “Ma Gesù aveva i sandali o le scarpe?”. Aiuto, sono spiazzato... NONNO LUIGI

— C’è davvero di che essere spiazzati, anche con una laurea in Teologia, caro nonno Luigi! Anzitutto concordo con te che la risposta della maestra è stata proprio... stupida! Forse l’insegnante ha pensato che era una domanda per divagare, per interrompere la sua lezione, fatto è che proprio la maestra dovrebbe sapere che mai le domande dei bambini (specie nell’ambito religioso) sono stupide! E così la domanda, caro nonno, è stata girata a te e tu la giri a me. E non ti nascondo che sono un po’ imbarazzata a rispondere, proprio come te. Ma forse posso partire da quello che nelle scienze dell’educazione viene chiamato “realismo infantile”: la piccola scolara è stata attenta, appare affascinata dalla resurrezione (Gesù che esce dalla tomba, vince la morte) però è presa da un particolare che non sembra così campato per aria: Gesù nella tomba era a piedi nudi? E allora, uscito dalla tomba, come fa a camminare, avrà certamente bisogno di calzature, ed ecco la domanda: scarpe o sandali?

Una risposta altrettanto realistica potrebbe suonare: in quel clima e in quei luoghi di Palestina era più facile che Gesù portasse i sandali... E sarebbe una risposta abbastanza sensata, ma non ci aiuterebbe a capire la ragione vera della domanda infantile. Cerchiamo di vederne il perché: la bambina è molto coinvolta dal racconto della resurrezione, ha un’immaginazione vivida, partecipe, è lì tutta presa dalla situazione nuova: un morto che esce dalla tomba, è vivo, è bellissimo e lei ne è affascinata. Ma proprio qui un particolare la coglie impreparata: i suoi piedi da risorto. Questa piccola ci sta insegnando qualcosa della risurrezione: il Risorto è reale, non è una fantasia, anzi il suo camminare sarà d’ora in poi prezioso, importante, raggiungerà tutti. I passi del Risorto, ci dice la piccola, sono la sua missione! E allora, forse, la sua domanda non è un diversivo inutile – come è sembrato alla maestra – ma un atto di tenerezza: scarpe o sandali? Grazie, piccola figlia di Dio, così tenera e realista: ci insegni che occorre amare anche i piedi di Gesù risorto

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo