Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
dossier
 

La morte a Gaza dei ragazzi soldato

30/07/2014  Le vittime israeliane della guerra sono in gran parte ventenni. Una strage di futuro.

Non serve molto, per capire che cosa voglia dire essere giovani e crescere con il rischio della guerra. Basta trovare un poco di coraggio per guardare in questi occhi: quelli di alcuni dei ragazzi di Israele morti mentre, da soldati di leva, combattevano a Gaza.

E per favore: niente politica. Tutti loro, se avessero potuto scegliere, avrebbero preferito vivere, e vivere in pace. Come la Serepta Mason dell’Antologia di Spoon River direbbero: “Il fiore della mia vita sarebbe sbocciato d’ogni lato/ se un vento crudele non avesse appassito i miei petali”.

Forse pochi si rendono conto che Israele è un Paese di giovani: il 43% della popolazione ha meno di 24 anni. Come in tutto il Medio Oriente, del resto, territori palestinesi compresi, dove più del 50% della popolazione ha un’età inferiore ai 25 anni.

Queste guerre, dunque, sono prima di tutto una strage di giovani dell’una e dell’altra parte, di speranze, di prospettive per il futuro. Roy Peles, per esempio: aveva 21 anni, era tenente da un mese e prima di essere arruolato aveva passato un anno nel kibbutz Meitzar, in Galilea, una scuola speciale rigorosamente laica gestita da un “parlamento” di studenti. O il sergente Amit Yeori, 20 anni, tornato a Gerusalemme solo per essere sepolto sul Monte Herzl, dove a piangerlo, accanto ai parenti, c’era una folla di ragazzi. Se non fossero stati tutti distrutti dalle lacrime, sarebbe parsa una gita scolastica.

Questo sono le guerre di oggi. Ed è questo che dovremmo tenere alla mente prima di ogni cosa. Prima di qualunque ragionamento e di qualunque calcolo, lasciamo parlare il cuore. Che non può volere, e infatti non vuole, nulla di simile.

Multimedia
Parents Circle, genitori insieme: un seme di speranza
Correlati
Parents Circle, genitori insieme: un seme di speranza
Correlati
Gaza, le Ong: «Abbiamo bisogno di farmaci»
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo